Immagine per Château d'Armailhac 2011 da Millesima Italia
+ / - Passare sull'immagine per eseguire zoom
Altre viste
Altre viste

Château d'Armailhac 2011

Bordeaux - Pauillac - Rosso - 13.5° Château d'Armailhac Château d'Armailhac 2011 1399/11
  • Parker : 87
  • J. Robinson : 14,5
Quinto Cru Classificato nel 1855, lo Château d'Armailhac, vicino allo Château Mouton Rothschild, conta 69 ettari di vigneto di denominazione Pauillac coltivati a Cabernet Sauvignon, Merlot, Cabernet Franc e Petit Verdot, vitigni tipici della regione. Affinati in botti di rovere, questi vini associano finezza ed eleganza al vigore dei tannini dei grandi Pauillac. Riconosciuto per la sua qualità, il domaine ha saputo progredire nel corso dei secoli, grazie anche alla innovazioni che sono state riportate in un trattato da Armand d'Armailhacq nel 1867. Nel 1933, il Barone Baron Philippe de Rothschild acquisisce questo cru anche conosciuto per il suo parco, uno dei più belli del Medoc, per il suo cortile ed il suo château. La tenuta cambia nome tra il 1956 ed il 1989 fino a riprendere il suo nome di origine: Château d'Armailhac.

Wine Advocate-Parker :
Chunky cherry and black currant fruit emerge from this medium-bodied, tasty, pure Pauillac. Although there is not a lot of depth, texture or length, what is there is pleasant. Drink it over the next 7-10 years.
Prezzi scontati
€ 63,75
Declinaison:
Il prezzo del prodotto può essere aggiornato in base alla selezione
  • d_cb_6
  • e_cb_1
  • wc_wcl_1
EUR 600.0 Millesima In stock

Château d'Armailhac, come ogni anno, tutti i vini che Millésima vi propone furono comprati direttamente nella proprietà.

Quinto Cru Classificato nel 1855, lo Château d'Armailhac, vicino allo Château Mouton Rothschild, conta 69 ettari di vigneto di denominazione Pauillac coltivati a Cabernet Sauvignon, Merlot, Cabernet Franc e Petit Verdot, vitigni tipici della regione. Affinati in botti di rovere, questi vini associano finezza ed eleganza al vigore dei tannini dei grandi Pauillac. Riconosciuto per la sua qualità, il domaine ha saputo progredire nel corso dei secoli, grazie anche alla innovazioni che sono state riportate in un trattato da Armand d'Armailhacq nel 1867. Nel 1933, il Barone Baron Philippe de Rothschild acquisisce questo cru anche conosciuto per il suo parco, uno dei più belli del Medoc, per il suo cortile ed il suo château. La tenuta cambia nome tra il 1956 ed il 1989 fino a riprendere il suo nome di origine: Château d'Armailhac.

Wine Advocate-Parker :
Chunky cherry and black currant fruit emerge from this medium-bodied, tasty, pure Pauillac. Although there is not a lot of depth, texture or length, what is there is pleasant. Drink it over the next 7-10 years.
Aggiungi al carrello