beychevelle.jpg
+ / - Passare sull'immagine per eseguire zoom
Altre viste
Altre viste

Château Beychevelle 1996

Bordeaux - Saint-Julien - Rosso - 13° Château Beychevelle Château Beychevelle 1996 1031/96
  • Parker : 86
  • J. Robinson : 17
Lo Château Beychevelle, un prestigioso cru classé ha l'anima forgiata da tre secoli di storia. Sotto Enrico III, Beychevelle è stato il feudo dei Duchi di Epernon. Il primo di essi, Jean-Louis Nogaret de LaValette, grande ammiraglio della Francia, è l'origine del nome della proprietà. Secondo la leggenda, le navi che passavano davanti lo château dovevano ammainare le vele in segno di fedeltà, da qui il nome Beychevelle: baisse-voile, ovvero "abbassare le vele". Edificato nel XVII secolo, ricostruito dal Marchese di Brassier nel 1757, lo château Beychevelle è sempre stato uno dei fiori all'occhiello della regione bordolese. L'eleganza della sua architettura si riflette nei suoi vini, risultato di una ricerca costante di un equilibrio tra potenza e raffinatezza. La politica di rispetto per l'ambiente e per la salute umana portata avanti da diversi anni, ha ricevuto la qualificazione di "agricoltura ragionata" e un attestato di conformità al disciplinare "Terra Vitis ".

Wine Advocate-Parker :
The 1996 Beychevelle was served from double magnum at the property. The nose is fully mature with touches of mushroom, leather and sous-bois, though not quite as complex as say the 1996 Ducru Beaucaillou. The palate is medium-bodied with crisp acidity, though it is not as refined or as nuanced as its peers. This is from a period where I think that Beychevelle was not firing on all cylinders and I have been scathing with my reviews in the past. Even here it lags behind its peers, something that I feel has been rectified in recent vintages by Philippe Blanc and his team. Tasted July 2016.
Prezzi scontati
€ 205,83
Declinaison:
Il prezzo del prodotto può essere aggiornato in base alla selezione
  • e_cb_1
  • f_cb_1
  • g_cb_1
EUR 760.0 Millesima In stock

Château Beychevelle, come ogni anno, tutti i vini che Millésima vi propone furono comprati direttamente nella proprietà.

Lo Château Beychevelle, un prestigioso cru classé ha l'anima forgiata da tre secoli di storia. Sotto Enrico III, Beychevelle è stato il feudo dei Duchi di Epernon. Il primo di essi, Jean-Louis Nogaret de LaValette, grande ammiraglio della Francia, è l'origine del nome della proprietà. Secondo la leggenda, le navi che passavano davanti lo château dovevano ammainare le vele in segno di fedeltà, da qui il nome Beychevelle: baisse-voile, ovvero "abbassare le vele". Edificato nel XVII secolo, ricostruito dal Marchese di Brassier nel 1757, lo château Beychevelle è sempre stato uno dei fiori all'occhiello della regione bordolese. L'eleganza della sua architettura si riflette nei suoi vini, risultato di una ricerca costante di un equilibrio tra potenza e raffinatezza. La politica di rispetto per l'ambiente e per la salute umana portata avanti da diversi anni, ha ricevuto la qualificazione di "agricoltura ragionata" e un attestato di conformità al disciplinare "Terra Vitis ".

Wine Advocate-Parker :
The 1996 Beychevelle was served from double magnum at the property. The nose is fully mature with touches of mushroom, leather and sous-bois, though not quite as complex as say the 1996 Ducru Beaucaillou. The palate is medium-bodied with crisp acidity, though it is not as refined or as nuanced as its peers. This is from a period where I think that Beychevelle was not firing on all cylinders and I have been scathing with my reviews in the past. Even here it lags behind its peers, something that I feel has been rectified in recent vintages by Philippe Blanc and his team. Tasted July 2016.
Aggiungi al carrello