<iframe src="//www.googletagmanager.com/ns.html?id=GTM-MXK97HQ" height="0" width="0" style="display:none;visibility:hidden"></iframe>Bordeaux vino, Grandi vini di Francia - Millesima.it
Fermer
Prodotti (2327)

Bordeaux vino

Dal semplice appassionato al grande conoscitore, chiunque conosce i vini di Bordeaux. Vigneto più antico del mondo, nonché il più grande con oltre 118.000 ettari di vigne e una produzione media annuale di 5 milioni di ettolitri, la regione di Bordeaux conta 60 denominazioni, tra le più prestigiose e rinomate nel mondo del vino.

La regione di Bordeaux fa capo ad un sistema unico, riconosciuto e citato come un riferimento mondiale. Con 7.000 viticoltori, 300 commercianti e un centinaio di courtiers (broker, una professione unica di Bordeaux), il sistema della "Place de Bordeaux" rappresenta lo spazio fondamentale della commercializzazione dei vini bordolesi.

Margaux, Pauillac, Pessac-Léognan, Saint-Émilion, Pomerol, Sauternes… La lista delle AOC (Appellation d'Origine Contrôlé) è lunga. Bordeaux deve la sua reputazione principalmente ai suoi vini rossi, in particolare per il celebre assemblaggio bordolese, composto da Cabernet Sauvignon, Merlot, Cabernet Franc, Malbec e Petit Verdot. Ma la regione produce anche grandi bianchi, secchi, dolci e frizzanti, a partire da Sauvignon Blanc o il famoso Sémillon.

Più nel dettaglio, i vini di Bordeaux si dividono tra i vini della Rive Droite e Rive Gauche, con stili diversi elegati alla tipicità dei suoli e dei terroir. La Rive Droite rappresenta la riva destra della Gironda e della Dordogna, a nord del bordolese, inglobando il vigneto del Bourgeais, del Blayais e di Castillon. È così che vengono designati i famosi Saint-Émilion, Pomerol e Fronsac. I vini della Rive Droite godono di terreni rari, su suoli a maggioranza argillo-calcarea, con l'eccezione di Pomerol, le cui vigne sono piantate su suoli di ghiaia sabbiosa. Per via della natura del suolo, il Merlot è il vitigno principe della Rive Droite e dona tutta la sua tipicità ai vini di questa zona, aumentando il corpo e il grado alcolico dei vini, su una palette aromatica segnata dall'intensità dei frutti neri, la mora, la prugna e la ciliegia. La Rive Gauche designa, quanto ad essa, i vini del Médoc e delle Graves. Il Cabernet Sauvignon è la star dei vitigni qui, e si sviluppa pienamente grazie ai suoli di ghiaia che di notte restituiscono alla vigna il calore immagazzinato durante il giorno. I vini della Rive Gauche sono noti per la loro imponente struttura, la palette olfattiva tipica dei frutti neri in composta, la struttura dei tannini che si ammorbidisce meravigliosamente con il tempo, per vini divenuti leggendari.

J. Suckling
93 / 100
Parker
94 / 100
Château Angélus 2012
 T.T.C.1 Melchior (18l)
1er grand cru classé "A"
Disponibile in consegna
Parker
92 / 100
Château Ausone 1996
 T.T.C.1 Jéroboam (5l)
1er grand cru classé "A"
Disponibile in consegna
Parker
94 / 100
Château Lafite-Rothschild 2001
Bordeaux - Pauillac - Rosso
 T.T.C.1 Imperiale (6l)
Disponibile in consegna
J. Suckling
98 / 100
Parker
100 / 100
Château Lafite-Rothschild 2003
Bordeaux - Pauillac - Rosso
 T.T.C.1 Doppio-Magnum (3l)
Disponibile in consegna
Parker
100 / 100
Disponibile in consegna
Parker
94 / 100
Château Lafite-Rothschild 2002
Bordeaux - Pauillac - Rosso
 T.T.C.1 Doppio-Magnum (3l)
Disponibile in consegna
Parker
90 / 100
Château Margaux 1989
Bordeaux - Margaux - Rosso
 T.T.C.1 Doppio-Magnum (3l)
1er cru classé
Disponibile in consegna
Parker
88 / 100
Château Cheval Blanc 1996
 T.T.C.1 Jéroboam (5l)
1er grand cru classé "A"
Disponibile in consegna
J. Suckling
90 / 100
Parker
90 / 100
Château Latour 1993
Bordeaux - Pauillac - Rosso
 T.T.C.1 Jéroboam (5l)
1er cru classé
Disponibile in consegna
J. Suckling
98 / 100
Parker
100 / 100
Château Cheval Blanc 2005
 T.T.C.1 Imperiale (6l)
1er grand cru classé "A"
Disponibile in consegna
J. Suckling
96 / 100
Parker
91 / 100
Château Mouton Rothschild 2003
Bordeaux - Pauillac - Rosso
 T.T.C.1 Doppio-Magnum (3l)
Disponibile in consegna
Parker
98 / 100
Disponibile in consegna
Parker
91 / 100
Château Margaux 1998
Bordeaux - Margaux - Rosso
 T.T.C.1 Doppio-Magnum (3l)
1er cru classé
Disponibile in consegna
Cassa I 1ers crus classés 2007
Bordeaux - Rosso
 T.T.C.Una cassa di 12 1/2 bottiglie
Disponibile in consegna
Parker
88 / 100
Disponibile in consegna
J. Suckling
93 / 100
Parker
93 / 100
Château Figeac 2012
 T.T.C.1 Nabuchodonosor (15l)
1er grand cru classé "B"
Disponibile in consegna
J. Suckling
98 / 100
Parker
100 / 100
Château La Mondotte 2009
 T.T.C.1 Doppio-Magnum (3l)
Disponibile in consegna
Parker
95+ / 100
Disponibile in consegna
Parker
91 / 100
Château Margaux 1981
Bordeaux - Margaux - Rosso
 T.T.C.1 Doppio-Magnum (3l)
1er cru classé
Disponibile in consegna
J. Suckling
94 / 100
Parker
97 / 100
Château Palmer 2005
Bordeaux - Margaux - Rosso
 T.T.C.1 Jéroboam (5l)
3e cru classé
Disponibile in consegna
Parker
97 / 100
Château Pichon Baron 2000
Bordeaux - Pauillac - Rosso
 T.T.C.1 Imperiale (6l)
Disponibile in consegna
Parker
100 / 100
Château Troplong Mondot 2005
 T.T.C.1 Imperiale (6l)
Grand cru classé
Disponibile in consegna
Parker
94 / 100
Disponibile in consegna
Pavillon Rouge 1996
Bordeaux - Margaux - Rosso
 T.T.C.1 Imperiale (6l)
Disponibile in consegna
J. Suckling
97 / 100
Parker
96 / 100
Château Haut-Brion 2014
 T.T.C.1 Imperiale (6l)
1er cru classé
Disponibile in consegna
Disponibile in consegna
Disponibile in consegna
Disponibile in consegna
Disponibile in consegna
Disponibile in consegna
Parker
98+ / 100
Château Lafite-Rothschild 2000
Bordeaux - Pauillac - Rosso
 T.T.C.1 Doppio-Magnum (3l)
Disponibile in consegna
Cassa "Crème de Sauternes" 2005
Bordeaux - Sauternes - Bianco
 T.T.C.Una cassa di 24 1/2 bottiglie
Disponibile in consegna
Parker
89 / 100
Disponibile in consegna
Parker
95 / 100
Château Lafite-Rothschild 2004
Bordeaux - Pauillac - Rosso
 T.T.C.Una cassa di 3 Magnum (1,5l)
Disponibile in consegna
Cassa "Crème de Sauternes" 2003
Bordeaux - Sauternes - Bianco
 T.T.C.Una cassa di 12 bottiglie
Disponibile in consegna
Cassa "Crème de Sauternes" 2007
Bordeaux - Sauternes - Bianco
 T.T.C.Una cassa di 24 1/2 bottiglie
Disponibile in consegna
J. Suckling
94 / 100
Parker
94 / 100
Château Lynch-Bages 2003
Bordeaux - Pauillac - Rosso
 T.T.C.1 Imperiale (6l)
5e cru classé
Disponibile in consegna
J. Suckling
90 / 100
Parker
92 / 100
Disponibile in consegna
J. Suckling
90 / 100
Disponibile in consegna
Parker
89+ / 100
Château Lynch-Bages 1995
Bordeaux - Pauillac - Rosso
 T.T.C.1 Jéroboam (5l)
5e cru classé
Disponibile in consegna

Bordeaux, il mito dei grandi vini rossi di Francia

Bordeaux è una delle regioni viticole più famose al mondo, soprattutto per quanto riguarda gli imponenti vini rossi che vi vengono prodotti. Imprescindibili, frutto di un antico know-how, dalla qualità costantemente alta di annata in annata, i vini di Bordeaux sono un vanto per la Francia e un piacere per gli appassionati.

Cosa rende speciali i vini di Bordeaux?

I vini di Bordeaux sono un must per chiunque si affacci al mondo del vino. La loro qualità costante di annata in annata li ha resi giustamente famosi nel mondo. Ma da cosa deriva questa fama leggendaria? Innanzitutto qui i viticoltori hanno messo appunto tecniche che vengono utilizzate da almeno tre secoli e che sono state imitate in tante importanti regioni viticole del mondo. Un esempio su tutti la barrique, la botte piccola da 225-250 litri in legno di rovere, laddove, in Italia per esempio, si sono utilizzate botti grandi fino almeno alla metà del secolo scorso. Pionieri anche in vigna, i bordolesi hanno compreso l’importanza dei rendimenti bassi, costringendo le viti a produrre meno frutti, ma molto concentrati. Rilevanza capitale viene riconosciuta al terroir, così come all’igiene in cantina e alla padronanza dei processi di ossigenazione.

 

vins de bordeaux
© Château Margaux

 

Se altri paesi, come l’Italia e la Spagna, oggi temibili concorrenti sulla scena internazionale, hanno puntato in maniera importante su una produzione di qualità anziché di quantità negli ultimi decenni, Bordeaux ha iniziato questa tendenza molto tempo prima.

Da Bordeaux non proviene solo un antico know-how, ma anche vitigni che hanno viaggiato e si sono espansi su tutto il globo, in particolare il Merlot, il Cabernet Franc e il Cabernet Sauvignon. Questi fanno parte del cosiddetto “taglio bordolese”. Sono i tre vitigni chiave che rientrano nell’assemblaggio dei vini rossi di Bordeaux. La riva sinistra privilegia tradizionalmente una percentuale maggiore di Cabernet Sauvignon, che si fa portatore di un’imponente struttura, di tannini, acidità e di aromi di frutti neri e note vegetali. I vini della Rive Gauche risultano infatti, in genere, un po’ austeri, ma estremamente complessi e con un ventaglio aromatico che si complica ancora di più con l’età, evolvendo sugli aromi terziari.

 

vins de bordeaux
© Château Kirwan

 

 

Sulla riva destra il protagonista è generalmente il Merlot. Quest’uva, meno aromatica del Cabernet Sauvignon, ha la capacità di apportare all’assemblaggio corpo, rotondità, alcool e una generosità che lo rendono irresistibilmente goloso. Molti château della Rive Droite riservano inoltre una proporzione importante al Cabernet Franc, che porta in genere colore, eleganza, finezza e struttura al blend.

Se questi tre vitigni originari della Gironda si possono ritrovare, in proporzioni diverse, in tutto il territorio bordolese, anche Petit Verdot, Malbec e Carménère possono svolgere un ruolo di completamento negli assemblaggi, a seconda dello stile ricercato dalle proprietà.

 

 

Il terroir delle regione di Bordeaux

Il vigneto di Bordeaux si trova sul 45° parallelo, a poche decine di chilometri di distanza dall’oceano Atlantico nel sud-ovest della Francia. Esso segue per la maggior parte il corso del fiume Gironda, che si divide poi in Garonna e Dordogna andando verso l’entroterra. Queste masse d’acqua influenzano il clima della regione, regolando le temperature. La corrente del Golfo provoca inoltre un riscaldamento delle temperature, in particolare nell’area più vicina all’estuario, cioè il Médoc. La foresta delle Lande inoltre protegge l’entroterra dai venti oceanici.

 

vins bordelais
© Château Talbot

 

La regione è di origine alluvionale. Vi è presente una grande varietà di suoli: argilla, ghiaia, calcare, limo e sabbia si ritrovano in differenti proporzioni e provenienti da diverse ere geologiche. A nord-ovest di Bordeaux, sulla riva sinistra, si trovano i suoli ghiaiosi del Médoc. Sabbia e ghiaia provenienti dalle Lande (a sud) costituiscono il terreno tipico della zona, che in passato per lungo tempo è stato paludoso. Si deve agli ingegneri olandesi del XVII secolo la bonifica della zona e la possibilità di coltivare la vite in AOC (Appellations d’Origine Contrôlée) oggi straordinariamente rinomate, come Saint-Estèphe, Pauillac, Saint-Julien e Margaux.

Sempre sulla riva sinistra, ma a sud, tra Bordeaux e Langon, si trovano le denominazioni di Pessac-Léognan, Graves, Barsac e Sauternes. Qui il terreno è leggermente più collinoso che nel Médoc, ma vi si trova sempre un terreno misto di sabbia e ghiaia, chiamato graves, che infatti dà il nome alla zona. Questo suolo ha la particolarità di immagazzinare il calore della luce del sole durante il giorno per rifletterlo sulle viti durante la notte. Non solo vini rossi, qui si producono anche vini bianchi, secchi e dolci, da uve Sémillon, Sauvignon Blanc e Muscadelle.

 

vins de bordeaux
© Château Guiraud

 

Nella zona di Barsac e Sauternes il clima è piuttosto umido e questa è una condizione di capitale importanza per i vini che vi vengono prodotti. Grazie alle nebbie mattutine e al sole durante il giorno, la cosiddetta “muffa nobile” si installa sulle uve (v. foto d Château Guiraud). Si tratta del fungo Botrytis Cinerea, che attaccandosi alla buccia degli acini li disidrata, lasciando una concentrazione zuccherina, di acidi e aromatica notevole. I vini botrytizzati sono detti vins liquoreux e sono vini dolci.

La lingua di terra che si estende fra i due fiumi Garonna e Dordogna, denominata Entre-Deux-Mers, è un’AOC che produce vini bianchi secchi.

Sulla riva destra della Dordogna si trovano le famose denominazioni di Fronsac, Pomerol e Saint-Émilion, nella zona detta Libournais. Saint-Émilion si trova su un altopiano calcareo ricco di fossili marini (calcaire à astéries). Tutta l’area si trova su terreni argillosi, calcarei, sabbiosi, poggianti su uno strato di arenaria che prende il nome da Fronsac, la molasse du fronsadais.

 

Le classificazioni dei cru di Bordeaux, una garanzia di qualità

I vini della regione di Bordeaux seguono una classificazione particolare, che a prima vista può sembrare complessa. Oltre al sistema delle AOC si trovano altre classificazioni che sono motivo di vanto e prestigio per ogni proprietà.

 

vins bordeaux
© Château Grand-Puy-Lacoste

 

In occasione dell’Esposizione Universale di Parigi del 1855, Napoleone III richiede una classificazione dei migliori vini di Bordeaux. I négociants dell’epoca forniscono una gerarchia di cinque livelli, che comprende i vini rossi del Médoc e i vini liquorosi di Sauternes e Barsac. L’unica eccezione è costituita da Château Haut-Brion, che si decide di aggiungere alla classificazione nonostante si trovi nelle Graves, ma che è una delle più prestigiose e antiche proprietà di Bordeaux. Da allora solo due modifiche sono state fatte a questo sistema: nel 1856 Château Cantemerle viene aggiunto tra i 5ème Cru Classé, mentre nel 1973 Château Mouton Rothschild passa da 2ème a 1er cru.

Al primo e più importante livello di Premier Cru Classé si trovano cinque châteaux leggendari del Médoc: Château Lafite Rothschild (Pauillac), Château Latour (Pauillac), Château Margaux (Margaux), Château Haut-Brion (Pessac-Léognan), Château Mouton Rothschild (Pauillac).

Al livello di Deuxième Cru Classé troviamo proprietà come Château Rauzan-Ségla (Margaux), i château di Saint-Julien Léoville-Las Cases, Léoville-Poyferré e Léoville-Barton, Château Pichon Baron (Pauillac), Château Cos d'Estournel (Sait-Estèphe), e altri…

 

vins bordelais
© Château Léoville Las Cases

 

Fra i Troisième Cru Classé compaiono grandi nomi come Château Kirwan (Margaux), Château Langoa Barton (Saint-Julien), Château Palmer (Margaux), Château Malescot St. Exupéry (Margaux)… Fra i Quatrième Cru compaiono Château Talbot (Saint-Julien), Château Branaire-Ducru (Saint-Julien), Château Beychevelle (Saint-Julien), Château Marquis de Terme (Margaux)… Tra i Cinquième Cru infine si trovano, fra gli altri, Château Pontet-Canet (Pauillac), Château Grand-Puy-Lacoste (Pauillac), Château Lynch-Bages (Pauillac), Château de Camensac (Haut-Médoc)…

I château rimasti esclusi dalla classificazione del 1855 possono accedere al riconoscimento di Cru Bourgeois, che, seppur meno prestigioso, conta tenute interessantissime.

 

vins de bordeaux
© Château Palmer


I cru di Barsac e Sauternes si dividono invece in due categorie, con l’eccezione di Château d’Yquem, che per il suo prestigio inimitabile, occupa una posizione a parte come Premier Cru Supérieur. Tra i Premier Cru di Sauternes troviamo, fra gli altri, nomi come Château La Tour Blanche (Sauternes) o Château Suduiraut (Sauternes). Fra i Deuxième Cru, citiamo almeno Château Suau (Barsac) e Château de Myrat (Barsac).

Un’altra classificazione, più recente, che data al 1955, riguarda la denominazione Saint-Émilion Grand Cru (e non Saint-Émilion che non ha una classificazione ufficiale). Al contrario della classificazione del 1855 che è immutabile, questa può essere revisionata ogni dieci anni. In cima alla piramide troviamo i quattro mitici Premier Grand Cru Classé “A”: Château Ausone, Château Cheval Blanc, Château Pavie e Château Angélus (questi ultimi due promossi nel 2012). Ci sono poi i Premiers Grand Cru Classé con nomi del calibro di Château Beau-Séjour Bécot, Château Canon, Château Figeac, Château Troplong-Mondot… Infine tra i Grand Cru Classé citiamo almeno Château Barde-Haut, Château Grand Corbin, Couvent des Jacobins e Château la Dominique.

 

vins bordelais
© Château Rauzan-Ségla

 

In definitiva, per rispondere alla domanda iniziale, sono molti i fattori che rendono i vini di Bordeaux speciali.

Una qualità costante negli anni, un know-how ben padroneggiato, il sapiente assemblaggio di vitigni originari della regione, una situazione pedoclimatica accortamente lavorata dai vignerons, stili diversi per la valorizzazione di terroir diversi su ogni denominazione, un riuscito sistema di comunicazione della qualità dei vini… Tutto concorre a creare la leggenda dei grandi vini di Bordeaux.

Total :
0
Total :
0
6 bouteille(s) supplémentaire(s) à ajouter à votre caisse panachée