TrustMark
4.69/5

Vini rosati

Compagni perfetti per le serate estive, le cene in famiglia o con gli amici, i vini rosé hanno creato un posto per se stessi e non hanno nulla da invidiare alle loro controparti bianche e...Mostra di più

Prodotti (104)
Cuvée des Commandeurs 2020
Prezzi scontati
150 €
139 € IVA inclusa
11,58 € / Unità
Domaine La Rouillère : La Petite Rouillère 2020
Prezzi scontati
115 €
106 € IVA inclusa
8,83 € / Unità
Clos Canarelli 2021
299 € IVA inclusa
24,92 € / Unità
Château Peyrassol 2021
135 € IVA inclusa
22,50 € / Unità
#Lou De Peyrassol 2021
78 € IVA inclusa
13 € / Unità
Cuvée des Commandeurs 2021
108 € IVA inclusa
18 € / Unità
WS
88
Triennes : Triennes 2021
90 € IVA inclusa
7,50 € / Unità
Domaine des Campaux : Les Cannissons 2020
Prezzi scontati
165 €
157 € IVA inclusa
13,08 € / Unità
Miraval 2021
113 € IVA inclusa
18,83 € / Unità
Château La Mascaronne : Château La Mascaronne 2021
110 € IVA inclusa
18,33 € / Unità
Vini Biologici
Roseblood d'Estoublon 2021
89 € IVA inclusa
14,83 € / Unità
Domaine de Tamary : Esprit de Tamary 2019
Prezzi scontati
210 €
200 € IVA inclusa
16,67 € / Unità
Vini Biologici
Château Romanin 2020
Prezzi scontati
210 €
189 € IVA inclusa
15,75 € / Unità
Vini Biologici
Château Sainte Marguerite : Symphonie 2021
120 € IVA inclusa
20 € / Unità
Clos Peyrassol 2021
228 € IVA inclusa
38 € / Unità
Roseline Prestige 2021
83 € IVA inclusa
13,83 € / Unità
RP
90
JR
16
Vini Biologici
Château Léoube : Rosé de Léoube 2020
Prezzi scontati
228 €
198 € IVA inclusa
16,50 € / Unità
Vini Biologici
Château Léoube : Rosé de Léoube 2021
105 € IVA inclusa
17,50 € / Unità
Rosé de Chevalier 2021
Il vino rosato del Dom. de Chevalier -  - - Rosato
59 € IVA inclusa
9,83 € / Unità
Château Saint-Maur : L'Excellence 2021
135 € IVA inclusa
22,50 € / Unità
Vini Biologici
Château Sainte Marguerite : Fantastique 2021
180 € IVA inclusa
30 € / Unità
Vini Biologici
Château Léoube : Love By Léoube 2021
80 € IVA inclusa
13,33 € / Unità
Vini Biologici
Xavier Vignon : Une Bouteille à la Mer Rosé Edition Ines de la Fressange 2021
57 € IVA inclusa
9,50 € / Unità
Vini Biologici
Château Sainte Marguerite : Château Rosé 2021
95 € IVA inclusa
15,83 € / Unità
RP
86
JR
15.5
Vini Biologici
Château Léoube : Love By Léoube 2020
Prezzi scontati
168 €
148 € IVA inclusa
12,33 € / Unità
Domaine des Campaux : OséRose 2021
120 € IVA inclusa
20 € / Unità
Domaine des Campaux : Les Cannissons 2021
80 € IVA inclusa
13,33 € / Unità
Domaine La Rouillère : Cuvée Domaine de La Rouillère 2020
Prezzi scontati
150 €
139 € IVA inclusa
11,58 € / Unità
Clos Canarelli 2020
Prezzi scontati
265 €
252 € IVA inclusa
21 € / Unità
Vini Biodinamici Demeter
Domaine Comte Abbatucci : Faustine Vieilles Vignes 2021
220 € IVA inclusa
18,33 € / Unità
Château Galoupet 2021
330 € IVA inclusa
55 € / Unità
Château Sainte Roseline : Cuvée Lampe de Méduse 2021
95 € IVA inclusa
15,83 € / Unità
JS
90
Vini Biologici
Château Roubine : La Vie en Rose 2021
65 € IVA inclusa
10,83 € / Unità
Domaine Saint Andrieu : L'Oratoire de Saint Andrieu 2021
55 € IVA inclusa
9,17 € / Unità
Domaine Saint Andrieu 2021
60 € IVA inclusa
10 € / Unità
JS
92
Caves d'Esclans : Whispering Angel 2021
108 € IVA inclusa
18 € / Unità
Maison Saint Aix : Aix 2021
85 € IVA inclusa
14,17 € / Unità
Vini Biologici
Château Léoube : La Londe 2021
239 € IVA inclusa
39,83 € / Unità
Vini Biodinamici Demeter
Domaine de la Mordorée : Côtes du Rhône Rosé 2021
66 € IVA inclusa
11 € / Unità
Minuty : M "Léa Amati" 2021
85 € IVA inclusa
14,17 € / Unità
Studio By Miraval 2021
55 € IVA inclusa
9,17 € / Unità
Domaine La Rouillère : Cuvée Domaine de La Rouillère 2021
75 € IVA inclusa
12,50 € / Unità
Domaines Ott : BY OTT 2021
85 € IVA inclusa
14,17 € / Unità
Château d'Esclans Rock Angel 2021
150 € IVA inclusa
25 € / Unità
RP
94
JS
96
WS
93
Château d'Esclans : Garrus 2019
595 € IVA inclusa
99,17 € / Unità
Prezzo
minus
Offerta speciale
minus
Annata
plus
Produttore
plus
Bottiglia
plus
Uva
plus
Classificazione
plus
Approccio ambientale
plus
Regione
plus
Denominazione
plus

La rivincita dei vini rosati: da vini bistratti a star del momento

 

Da ogni parte e sempre più unanimemente si riconosce che i vini rosati stanno godendo di sempre maggiore successo. La loro fama si sta finalmente sdoganando dal pregiudizio di essere vini né rossi né bianchi, quindi, in pratica, né carne né pesce. Un preconcetto da cui l’Italia è ancora affetta, mentre altri Paesi, Francia in testa, apprezzano già da tempo e senza riserve i vini rosati.

 

Vini rosati, frutto di una vinificazione complessa

 

Per prima cosa bisogna sfatare il mito che i vini rosati siano una miscela di vini bianchi e rossi: questa è una pratica strettamente vietata. L’unica eccezione consentita dalla legislazione è rappresentata da alcuni spumanti e Champagne rosé, che sono fatti a partire da un vitigno a bacca bianca, Chardonnay o Pinot Bianco, e uno a bacca nera, Pinot Nero. Ma, neanche in questo caso, si tratta di unire due vini finiti, poiché l’assemblaggio deve ancora subire le fermentazioni. Semmai è il metodo di vinificazione che è a metà strada tra la vinificazione in rosso e quella in bianco.

Innanzitutto si utilizzano solo uve nere. Si esegue una pigiatura delicata e, come per i rossi, le bucce vengono lasciate a contatto con il mosto. La difficoltà di questa tecnica sta nell’attento e preciso tempismo con cui vengono eliminate le bucce (svinatura). Se per i rossi si parla di un periodo che va da un giorno a qualche settimana, per i vini rosati di solito non si superano le 24 ore. In alcuni casi, se si utilizzano uve poco pigmentate, come il Grigiolino, la tecnica è la stessa utilizzata per i rossi, ma il risultato rimane comunque chiaro.

La fermentazione avviene dopo la svinatura e a basse temperature, come per i vini bianchi. È raro che i vini rosati vengano fatti fermentare in legno, più usuale è la fermentazione in acciaio o cemento. Nel momento in cui la fermentazione è completa, i vini vengono stabilizzati e imbottigliati. Vista la scarsità dei tannini presenti, sono vini che non ci guadagnano nel tempo, ma al contrario il massimo del loro potenziale si apprezza nella loro giovinezza. Ma come sempre, ci sono alcune eccezioni che confermano la regola.

 

Le superstar dei vini rosati francesi

©Domaines Bunan

 

Nell’universo ampio (e in espansione) dei vini rosati, sicuramente la Francia vede la vie en rose. La Provenza, in particolare, è la più iconica regione viticola francese per quanto riguarda i vini rosati. Basti pensare che l’89% dei vini che vi vengono prodotti è rosé. Con un clima mediterraneo, influenzato dal Maestrale, e un paesaggio da sogno, vi prosperano principalmente le uve Grenache, Cinsault, Syrah, Mourvèdre, Tibouren, Carignan e Cabernet Sauvignon. Il 96% della produzione dei vini della regione viene prodotto da tre AOC (Appéllation d’Origin Controllée): Côte de Provence, Coteaux d’Aix-en-Provence, Coteaux Varois en Provence. La colorazione passa dal rosa pallidissimo, attraverso una una palette abbastanza variegata, fino a un rosa lampone acceso.

Degni rivali dei vini provenzali, sono i Tavel. Si tratta di una denominazione della Valle del Rodano, in cui vengono prodotti esclusivamente rosé. Dei nove vitigni che possono costituire l’assemblaggio (Syrah, Mourvèdre, Cinsault, Clairette, Grenache, Bourboulenc, Carignan, Picpoul, Calitor) nessuno può superare il 60%. Può essere degustato giovane, per cogliere le note dolci e fruttate, ma, fatto raro, è anche un rosé che invecchia bene, sviluppando note speziate e piene.

Parlando dei vini rosati di Francia non si possono non citare i rosé della Corsica. Più di metà della produzione dell’isola è in rosé. Le uve autoctone costituiscono la cifra stilistica più caratteristica dei vini della regione e ciò vale, naturalmente, anche per i rosé. I più celebri e apprezzati sono quelli a base di uve Sciaccarellu e Nielluccio. Se i primi sono un po’ più chiari, beverini e di tendenza, i secondi sfoggiano uno stile adatto ad accompagnare la migliore gastronomia.

Infine occorre citare gli Champagne rosé. Gli Champagne rosati possono essere realizzati in due modi. Il primo è il cosiddetto champagne rosé de saignée, e la vinificazione è la stessa degli altri vini rosati, a cui fa poi seguito la presa di spuma. Sembra che sia stato Ruinart, il più antico produttore di champagne, a inventare questo metodo nel 1764. Il secondo modo per ottenere uno champagne rosato è il rosé d’assemblage. Inventato da Madame Veuve Clicquot nel 1818, questo metodo prevede l’assemblaggio di uve nere e bianche (unica regione in Francia in cui ciò è permesso).

 

Vini rosati in Italia? Eccome se ce ne sono

© Domaine de la Mordorée

 

Paradossalmente, nonostante i preconcetti legati ai vini rosati(che però stanno iniziando a scomparire), l’Italia può vantare una gamma di rosé di qualità sorprendente. Allo stesso modo degli Champagne rosé francesi, anche gli spumanti rosati italiani vengono prodotti a partire dal nobile Pinot Nero. In particolare il Franciacorta rosé, nato tra le colline bresciane della Lombardia, e il Trentodoc rosé, nato tra i paesaggi da cartolina del Trentino, sono spumanti metodo classico, ben lontani dall’essere semplicemente vini “alla moda”. Sono vini rosati con struttura, corpo, acidità e profondità da vendere.

Facendo un rapido – e incompleto – Grand Tour della penisola, e scendendo leggermente fino alle sponde delLago di Garda, dal lato veneto, troviamo il Bardolino Chiaretto, a base di uva Corvina, la stessa uva protagonista del blend dell’Amarone della Valpolicella. Sfoggia un colore molto chiaro, una freschezza agrumata e una spiccata sapidità.

Continuando a scendere ci si imbatte nel Cerasuolo d’Abruzzo, che fino alla vendemmia 2010/2011 ha fatto parte della denominazione Montepulciano d’Abruzzo. Ora è un vino DOC a sé stante e con dignità e personalità tutte sue. L’uva usata è il Montepulciano, che, così ricco di antiossidanti, rende questo uno dei vini rosati più longevi d’Italia.

Nel tacco del nostro stivale, tra le province di Lecce e Brindisi, il Salice Salentino rosato pare che sia il primo vino rosato in Italia. Negli anni ’40 ottenne un successo immediato negli Stati Uniti, dov’era noto col nome di Five Roses. L’uva Negramaro deve essere presente almeno all’80%.

 

A cosa si accostano i vini rosati?

 

© Château Sainte Roseline

I vini rosati hanno un pregio da non sottovalutare. Non così astringenti e corposi, come certi rossi impossibili da bere in una grigliata di Ferragosto con 37 gradi all’ombra, ma con una struttura che a volte dà più soddisfazione di un bianco, pur avendone l’acidità e la freschezza, i vini rosati hanno la capacità di mettere d’accordo (quasi) tutti.

Estivi, anche se non per forza, i vini rosati possono essere serviti freschi, ciò che li rende perfetti per l’aperitivo. Possono d’altronde accompagnare degnamente anche il pasto.

Sono perfetti abbinati alla cucina mediterranea – il loro DNA non mente – e in particolare a piatti freddi come una caprese o delle insalate, oppure a un riso o una pasta fredda. La morbidezza e l’acidità di un rosé si sposa divinamente con qualunque piatto a base di pomodoro. Per questo, anche se l’abbinamento pizza/birra è un grande classico, è assolutamente da provare anche pizza/rosé: il piacere è garantito. E perché non parmigiana di melanzane/rosé? Grande soddisfazione dà anche accompagnando funghi e tartufi o piatti di pesce (ottimo con i crostacei). L’accostamento con cereali e legumi è semplicemente eccellente.

 

 

Consegna attenta nel packaging originale Consegna standard
Consigli personalizzati 800 781 725
Pagamento sicuro al 100%
Provenienza garantita Vini acquistati direttamente presso le proprietà
Qualità del servizio
4.69/5
Carte di pagamento
Località/regione, valuta e lingua
ItaliaItalia, EUR
Millésima
  • Chi siamo?
  • Lavora con noi
Seguiteci
Servizio Clienti
  • Carta regalo
  • Catalogo
Guida dei primeurs
  • Tutti i vini in primeurs
  • Perché comprare En Primeurs?
  • FAQ Primeurs
  • L'annata 2019 a Bordeaux
  • L'annata 2020 a Bordeaux
  • L'annata 2021 a Bordeaux
1.9.0