Vi offriamo le spese di trasporto per il vostro primo ordine con il codice* BENVENUTO *non riguarda i vini in primeurs, offerta riservata ai nuovi clienti

Domaine Faiveley

Nata nel 1825 in una zona della Borgogna che mostra il massimo rispetto per il terroir (Côte de Nuits, Côte de Beaune), il Domaine Faiveley ha progressivamente ampliato la propria azienda e ora...Mostra di più

Prodotti (205)
RP
91-93
AM
89-92
Domaine Faiveley : Beaune 1er cru "Clos de l'Ecu" Monopole 2019
735 € IVA inclusa
61,25 € / Unità
Domaine Faiveley : Beaune 1er cru "Clos de l'Ecu" Monopole 2018
630 € IVA inclusa
52,50 € / Unità
JS
93
WS
92
Domaine Faiveley : Beaune 1er cru "Clos de l'Ecu" Monopole 2017
550 € IVA inclusa
45,83 € / Unità
Domaine Faiveley : Chambolle-Musigny 1er cru "La Combe d'Orveau" 2000
810 € IVA inclusa
135 € / Unità
JR
16+
475 € IVA inclusa
39,58 € / Unità
WS
87
JR
16
410 € IVA inclusa
34,17 € / Unità
RP
90
AM
92-94
WS
91
1.155 € IVA inclusa
96,25 € / Unità
AM
89-92
WS
93
JR
15.5
890 € IVA inclusa
74,17 € / Unità
RP
96
AM
93-96
WS
95
20% a partire de 2 casse acquistate
Grand cru -  - - Rosso
1.570 € IVA inclusa
261,67 € / Unità
1.025 € IVA inclusa
85,42 € / Unità
790 € IVA inclusa
65,83 € / Unità
AM
90-92
WS
93
JR
16
915 € IVA inclusa
76,25 € / Unità
AM
91-93
1.140 € IVA inclusa
95 € / Unità
RP
95
AM
93-95
WS
97
1.470 € IVA inclusa
245 € / Unità
WS
92
JR
16
GV
90+
995 € IVA inclusa
82,92 € / Unità
RP
92+
AM
90-92
JR
16
490 € IVA inclusa
81,67 € / Unità
AM
90-93
JR
16.5
GV
91-93
530 € IVA inclusa
88,33 € / Unità
495 € IVA inclusa
82,50 € / Unità
AM
91-94
GV
92+
1.690 € IVA inclusa
140,83 € / Unità
RP
95
AM
92-95
WS
97
1.560 € IVA inclusa
260 € / Unità
RP
91
490 € IVA inclusa
81,67 € / Unità
AM
91-93
JR
16
GV
91-94
1.880 € IVA inclusa
156,67 € / Unità
RP
91
WS
91
JR
16.5
640 € IVA inclusa
53,33 € / Unità
AM
89-91
WS
92
JR
16
695 € IVA inclusa
57,92 € / Unità
RP
95
AM
92-95
WS
96
1.300 € IVA inclusa
216,67 € / Unità
RP
89
AM
92-95
WS
93
1.050 € IVA inclusa
175 € / Unità
JR
16
450 € IVA inclusa
75 € / Unità
395 € IVA inclusa
32,92 € / Unità
JR
17+
GV
91-93
1.210 € IVA inclusa
201,67 € / Unità
JS
92-93
JR
17
GV
91-93
650 € IVA inclusa
108,33 € / Unità
GV
NM89
640 € IVA inclusa
106,67 € / Unità
AM
90-93
WS
92
JR
16
1.380 € IVA inclusa
115 € / Unità
JS
95
GV
93-96
1.490 € IVA inclusa
248,33 € / Unità
AM
91-94
GV
93
1.400 € IVA inclusa
116,67 € / Unità
RP
92
AM
92-95
WS
95
1.210 € IVA inclusa
201,67 € / Unità
515 € IVA inclusa
42,92 € / Unità
AM
93-95
WS
94
JR
16.5
1.295 € IVA inclusa
215,83 € / Unità
RP
93
AM
93-95
WS
94
1.110 € IVA inclusa
185 € / Unità
AM
92-94
WS
90
JR
16.5+
1.095 € IVA inclusa
182,50 € / Unità
JS
95
JR
17
GV
89-91
570 € IVA inclusa
95 € / Unità
AM
90-93
WS
94
JR
16.5
460 € IVA inclusa
76,67 € / Unità
AM
87-89
WS
93
GV
89-91
430 € IVA inclusa
71,67 € / Unità
RP
95
AM
93-96
WS
98
2.260 € IVA inclusa
376,67 € / Unità
RP
91
AM
91-94
WS
93
575 € IVA inclusa
95,83 € / Unità
AM
90-92
GV
93-95
595 € IVA inclusa
99,17 € / Unità
Louis Latour
Domaine Faiveley
Bouchard Père & Fils
Chanson
Louis Jadot
Albert Bichot
Domaine de la Pousse d'Or
Olivier Leflaive
Domaine du Château de Meursault
David Duband
Jean Chartron
Vincent Girardin
Au Pied du Mont Chauve
Domaine René Bouvier
Joseph Drouhin
Bruno Colin
Louis Max
Domaine des Perdrix
William Fèvre
Domaine Henri Boillot
Domaine de la Vougeraie
Thibault Liger-Belair
Remoissenet Père et Fils
Chandon de Briailles
La Chablisienne
Domaine du Cellier aux Moines
Billaud-Simon
Millésima
Château de Chamirey
Geantet-Pansiot
Domaine Bader-Mimeur
Domaine Laroche
Château de Marsannay
Domaine Matrot
Château Fuissé
Domaine Guffens-Heynen
Jean-Marc Brocard
Domaine Cordier Père et Fils
Domaine Jacques Prieur
Domaine Henri Rebourseau
Simonnet-Febvre
Domaine Merlin
Méo-Camuzet
Pierre Girardin
Domaine Albert Grivault
Pierre Damoy
Domaine Nicolas Rossignol
Domaine Michèle et Patrice Rion
Domaine Bonneau du Martray
Marc Colin et Fils
Domaine Guy Amiot et Fils
Clos de Tart
Domaine des Lambrays
Domaine Sylvain Pataille
Comte Armand
Domaine Hubert Lamy
Leroy
Domaine Comte Georges de Vogue
Maison Chanzy
Domaine de la Garenne
Samuel Billaud
Domaine Lorenzon
Château des Rontets
Domaine de la Ferté
Armand Heitz
Domaine Louis Moreau
Domaine Parent
Domaine Coffinet-Duvernay
Dujac
Domaine Denis Mortet
Etienne Sauzet
Camille Giroud
Château de la Maltroye
Dugat-Py
Domaine d'Auvenay
Daniel-Etienne Defaix
Domaine Anne Gros
Domaine Boris Champy
Domaine Jacques Carillon
Rijckaert
Château des Quarts
Arnaud Mortet
Labouré-Roi
Domaine Henri Gouges
Le Renard
Olivier Guyot
Domaine des Hospices de Beaune
Morey-Blanc
Les Climats du Coeur

Domaine Faiveley, una grande proprietà nel cuore della Borgogna

Un retaggio di quasi due secoli ha permesso al Domaine Faiveley di crescere in estensione e successo, fino a diventare oggi una delle tenute più rappresentative della Borgogna. Ormai alla settima generazione, Faiveley è un ambasciatore del Pinot Nero e lo Chardonnay borgognoni nel mondo.

Domaine Faiveley, sette generazioni in quasi 200 anni di storia

La storia inizia nel 1825 quando l’artigiano calzolaio Pierre Faiveley fonda la maison de négoce “Joseph Faiveley” a Nuits-Saint-Georges. Pierre si dedica inizialmente ad entrambe le sue attività, ma dal 1820 si consacra esclusivamente a quella di negoziante. Dal 1860 è Joseph Faiveley a occuparsi dell’attività. Si deve a lui l’esportazione verso il nord d’Europa, in particolare verso il Belgio e i Paesi Bassi. All’epoca la maison scambia vini contro tessuti. È sotto la sua lunga gestione che la maison fa l’acquisizione delle sue prime vigne e diventa a tutti gli effetti un domaine e inizia a produrre i suoi propri vini. Le prime parcelle sono quelle nelle vicinanze della maison: Nuits-Saint-Georges Premier Cru Les porêts-Saint-Georges, Nuits-Saint-Georges Les Lavières e il monopolio Corton Clos Cortons Grand Cru. Dopo Joseph è François ad occuparsi dell’attività di famiglia, il quale deve battersi contro un feroce nemico, la fillossera, che alla fine del XIX secolo causa danni incalcolabili in tutto il vigneto della Borgogna. Si fa inoltre l’acquisizione delle vigne situate sul bel climat Nuits-Saint-Georges Premier Cru Les Saint-Georges e, nel primo decennio del nuovo secolo, della simbolica parcella di Clos-de-Vougeot Grand Cru.

 

Domaine Faiveley
© Serge Chapuis

 

Nel 1919 è Georges Faiveley a prendere le redini della tenuta. La congiuntura storica è però sfavorevole e la crisi degli anni ’30 si fa sentire duramente. Le botti di rovere che si trovano in cantina valgono ormai di più dei Grand Cru che contengono! È nella celebrazione della cultura borgognona, che nel 1934 Georges, insieme al suo amico Camille Rodier, fonda La Confrérie des Chevaliers du Tastevin, un revival di un’antica confraternita bacchica medievale. “Visto che i nostri vini non si vendono più, invitiamo i nostri amici a berli!”. Un’idea semplice che ha però un grandissimo successo. Al giorno d’oggi la Confrérie rappresenta la filosofia di vita fatta di amicizia e condivisione così tipica della Borgogna.

Negli anni ’30 si uniscono alle vigne del domaine anche i climat di Latricières-Chambertin Grand Cru, Mazis-Chambertin Grand Cru, Chambertin-Clos de Bèze Grand Cru e Gevrey-Cahmbertin Premier Cru Les Cazatiers. Negli anni ’60 è Guy Faiveley a prendere il timone del domaine e a diventare Maître della Confrérie du Tastevin. Dopo di lui arriva François, che, come da tradizione dei suoi avi, integra nuove vigne nelle denominazioni di Montagny, di Mercurey e sui bei climat di Nuits-Saint-Georges, tra cui il Premier Cru Les Damodes. Oltre ad essere un grande appassionato di vino, François è allo stesso tempo un estimatore della musica classica: è grazie al suo impulso che il domaine Faiveley diventa membro fondatore del celebre Festival Musique & Vin nel Clos Vougeot nel 2007. Nel 2003 il Premier Cru Clos des Issarts Monopole a Gevrey-Chambertin e il Premier Cru Clos de l’Ecu Monopole a Beaune raggiungono il bel patrimonio viticolo del domaine.

 

Domaine Faiveley
Eve e Erwan Faiveley © Domaine Faiveley

 

Nel 2005 la settima e attuale generazione sale alla ribalta, con Erwan Faiveley, raggiunto nel 2014 dalla sorella Eve, prima figlia dopo sette generazioni. Essi porteranno la loro personale impronta alla storia della famiglia Faiveley.

 

Il vigneto del Domaine Faiveley, un gioiello della Borgogna

Il Domaine Faiveley, dopo una lenta e accurata ricerca e acquisizione dei migliori terroir della Borgogna, è ormai oggi la più grande proprietà della regione. I numeri del suo vigneto sono impressionanti: 127 ettari di cui 72 nella Côte Chalonnaise e 55 fra la Côte de Nuits e la Côte de Beaune, 100 denominazioni, 300 parcelle, di cui 12 Grand Cru e 25 Premier Cru e 6 monopoli. La tipica ultrazonazione del saper fare borgognone si riflette qui in una produzione di cuvée estremamente variegata e attenta a riflettere tutte le specificità di ogni terroir. Come da tradizione della regione, i vini rossi sono esclusivamente frutto di uve di Pinot Nero, che è di gran lunga il vitigno più coltivato dalla proprietà, mentre i vini bianchi provengono dalle uve di Chardonnay.

 

Domaine Faiveley
© Serge Chapuis

 

È Jérôme Flous, in qualità di Direttore dei vini e del vigneto a vegliare che il lavoro svolto in vigna e quello svolto in cantina vadano nella stessa direzione e rispondano alla stessa filosofia.

Il domaine Faiveley colleziona alcuni fra i più celebri terroir della Borgogna. Storicamente basata a Nuits-Saint-Georges, la proprietà si è estesa progressivamente sui più bei climat della Côte d’Or, come il “Clos des Cortons Faiveley” Grand Cru, un monopolio emblematico del domaine, al punto che il nome della famiglia ha integrato quello del clos. In Côte Chalonnaise, d’altronde, il Domaine Faiveley è presente dagli anni ’60 con vigne che si estendono su Rully, Givry, Montagny e Mercurey. Secondo il sistema delle tâches, ogni parcella è affidata alle attente cure dello stesso viticoltore lungo il corso di tutto l’anno.

 

Domaine Faiveley
© Serge Chapuis

 

Un vigneto, questo, non solo prestigioso, ma anche condotto secondo le migliori pratiche dell’agricoltura sostenibile. La diversità della fauna e della flora che si può riscontrare è un segno del rispetto che viene riservato all’ambiente. L’ottenimento della certificazione HVE (Haute Valeur Environnementale) è l’obiettivo al quale, da Gevrey-Chambertin fino a Mercurey, si punta nell’immediato.

 

Domaine Faiveley, grandi vini della Borgogna

La settima generazione della famiglia Faiveley ha portato nel domaine un nuovo sguardo sullo stile delle cuvée. Notoriamente i grandi Borgogna sono vini da straordinari invecchiamenti, rimanendo però a volte piuttosto riservati nella loro giovinezza. Tutta l’équipe del Domaine Faiveley si adopera invece a creare vini in grado di rivelare il loro potenziale fin dai primi anni, pur conservando un’eccellente attitudine all’invecchiamento.

 

Domaine Faiveley
© Serge Chapuis

 

Tutte le fasi di vinificazione fanno in modo di associare i tradizionali metodi borgognoni alle più moderne infrastrutture e procedure. Solo uve giunte a perfetta maturazione, vendemmiate e selezionate a mano hanno l’onore di entrare in tinaia. La proporzione del diraspamento è accuratamente decisa in funzione della denominazione e dell’annata. Segue una vinificazione naturale con lieviti indigeni. Allo scopo di fornire un profilo puro ed elegante, le estrazioni si fanno delicatamente. Per 12-18 mesi i vini del Domaine Faiveley invecchiano in botti di rovere francese, nelle cantine costruite nel XIX secolo, con igrometria e temperatura naturalmente costanti.

 

Domaine Faiveley
© Serge Chapuis

 

“Il mio desiderio è di valorizzare lo straordinario mosaico di terroir borgognoni attraverso ognuno dei nostri vini”: è questa la volontà di Erwan Faiveley, che grazie alla sua ampia gamma di cuvée mostra l’espressione più fine e precisa dei grandi vini della Borgogna.

1.9.0