Immagine per Château Siran 2011 da Millesima Italia
+ / - Passare sull'immagine per eseguire zoom
Altre viste
Altre viste

Château Siran 2011

Bordeaux - Margaux - Rosso - 13° Château Siran Château Siran 2011 1601/11
  • Parker : 89
  • J. Robinson : 14,5
Lo Château Siran è situato nel comune di Labarde, nella parte meridionale della denominazione Margaux, su un altopiano di ciottoli e siliceo. L'esposizione del vigneto e la qualità del suo terroir permettono di produrre un vino molto elegante, caratteristico di questa denominazione. Nel corso dell'estate precedente alla raccolta, si effettuano il diradamento e la sfogliatura per ottenere la maturità ottimale e la migliore concentrazione possibile. L'uva è vendemmiata manualmente in cassetta. I grappoli sono selezionati nel vigneto e all'arrivo nella cantina. La fermentazione a temperatura controllata, malolattica in barriques, l'affinamento in fusti di legno di Allier rinnovati del 40/50% ogni anno ed una rigorosa selezione dell'assemblaggio, sono le operazioni messe in atto dallo château per ottenere la migliore qualità. Dal 2003, la condotta delle viti e la vinificazione si effettuano sotto i consigli dell'enologo Denis Dubourdieu. Ogni anno, l'etichetta è decorata da un artista che celebra un evento dell'annata. Lo Château Siran appartiene alla famiglia William Alain Miailhe dal 1859, data in cui è stato acquisito dal Conte Toulouse- Lautrec.

Wine Advocate-Parker :
Tasted at the vertical held at the château, the 2011 Château Siran, a blend of 52% Merlot, 36% Cabernet Sauvignon, 11% Petit Verdot and 1% Cabernet Franc, has an open, quite generous, earthy and leather-scented bouquet that permeates through the red berry fruit that feels a little smudged against the 2010 Siran. The palate is medium-bodied with quite fine tannin on the entry and tangible mineralité. This is an appealing Margaux that punches just above my expectations and its persistence on the finish suggests that it has the substance to age. This is worth looking out for. Tasted February 2016.
Prezzi scontati
€ 37,57
Declinaison:
Il prezzo del prodotto può essere aggiornato in base alla selezione
  • c_cb_12
  • d_cb_6
  • e_cb_1
  • f_cb_1
  • wc_wcl_1
EUR 330.0 Millesima In stock

Château Siran, come ogni anno, tutti i vini che Millésima vi propone furono comprati direttamente nella proprietà.

Lo Château Siran è situato nel comune di Labarde, nella parte meridionale della denominazione Margaux, su un altopiano di ciottoli e siliceo. L'esposizione del vigneto e la qualità del suo terroir permettono di produrre un vino molto elegante, caratteristico di questa denominazione. Nel corso dell'estate precedente alla raccolta, si effettuano il diradamento e la sfogliatura per ottenere la maturità ottimale e la migliore concentrazione possibile. L'uva è vendemmiata manualmente in cassetta. I grappoli sono selezionati nel vigneto e all'arrivo nella cantina. La fermentazione a temperatura controllata, malolattica in barriques, l'affinamento in fusti di legno di Allier rinnovati del 40/50% ogni anno ed una rigorosa selezione dell'assemblaggio, sono le operazioni messe in atto dallo château per ottenere la migliore qualità. Dal 2003, la condotta delle viti e la vinificazione si effettuano sotto i consigli dell'enologo Denis Dubourdieu. Ogni anno, l'etichetta è decorata da un artista che celebra un evento dell'annata. Lo Château Siran appartiene alla famiglia William Alain Miailhe dal 1859, data in cui è stato acquisito dal Conte Toulouse- Lautrec.

Wine Advocate-Parker :
Tasted at the vertical held at the château, the 2011 Château Siran, a blend of 52% Merlot, 36% Cabernet Sauvignon, 11% Petit Verdot and 1% Cabernet Franc, has an open, quite generous, earthy and leather-scented bouquet that permeates through the red berry fruit that feels a little smudged against the 2010 Siran. The palate is medium-bodied with quite fine tannin on the entry and tangible mineralité. This is an appealing Margaux that punches just above my expectations and its persistence on the finish suggests that it has the substance to age. This is worth looking out for. Tasted February 2016.
Aggiungi al carrello