10% di sconto aggiuntivo su due cuvée di Charles Heidsieck con il codice * : MILLEPH *Offerta valida su una selezione di vini : Charles Heidsieck Blanc de Blancs e Brut Réserve
Chiudi
Prodotti (3)

L'Infernal

L'Infernal image
Tenuta d’eccezione situata nella regione del...
Disponibile in consegna

360 € IVA inclusaUn cartone di 6 Bottiglie (75cl) | 60 € / Unità
Disponibile in consegna

175 € IVA inclusaUn cartone di 6 Bottiglie (75cl) | 29,17 € / Unità
Disponibile in consegna

175 € IVA inclusa171 € IVA inclusaUn cartone di 6 Bottiglie (75cl) | 28,50 € / Unità
Filtri

Prezzo

Da
a

L’Infernal, il know-how francese al servizio del terroir spagnolo

Quando tre star del sud della Francia decidono di unire le forze per elaborare vini in Priorato, il risultato non può che essere eccezionale. Il trio Combier, Fischer, Gérin ha messo insieme il know-how francese con il terroir spagnolo: tutti gli ingredienti per la ricetta del successo!

L’Infernal, il progetto di tre star della Valle del Rodano

L’iniziativa di creare la tenuta L’Infernal nasce dalla passione e l’amore per il terroir di tre vignaioli del sud della Francia. Laurent Combier (Domaine Combier a Crozes Hermitage) e Jean Michel Gérin (in Côte-Rotie), provenienti dalla Valle del Rodano, e Peter Fischer (Château Revelette a Aix en Provence), della Provenza, e sono i protagonisti di questa storia. Tre vignaioli talentuosi, tre amici uniti dalla passione per le sfide.

 

© L’Infernal

 

Nel 2002, affascinati dalla bellezza della regione, decidono di insediarsi a Torroja del Priorat. Il Priorato è la piccola DOCa (Denominación de Origen Calificada, sola denominazione a portare questa qualifica insieme alla Rioja), in provincia di Terragona. Innamorati del terroir tipico della regione, Combier, Fischer e Gérin uniscono il savoir-faire francese allo straordinario potenziale della terra spagnola.

Denominata inizialmente “Trio Infernal”, la proprietà ha cambiato nome quando si sono uniti all’avventura altri due giovani vignaioli, Léo Cuisinier e Lucas Chazallet. Gli anni trascorsi dalla creazione della tenuta sono serviti a immergersi pienamente nel territorio, comprenderlo e infine elaborare vini che siano lo specchio esatto di quanto il Priorato ha di meglio da offrire.

 

L’Infernal e il Priorato, una fusione perfetta

Gli 8 ettari della tenuta L’Infernal si trovano immersi in un territorio dall’identità estremamente spiccata. Il Priorato si trova in una regione, la Catalogna, nel nord della Spagna, calda e assolata, con influenze dal Mediterraneo e dall’Atlantico. Forti escursioni termiche tra il giorno e la notte si dimostrano molto favorevoli alla maturazione delle uve. Qui la storia della viticoltura si intreccia con quella dei certosini del monastero di Scala Dei, che nel XII ne costituiscono il vigneto.

 

Face Nord © L’Infernal

 

Qui le vigne dell’Infernal sono coltivate in terrazze sui pendii delle montagne, ad un’altitudine fra i 300 e i 600 metri. L’inclinazione consente un drenaggio dei suoli perfetto.

La cifra caratteristica del terroir del Priorato si trova nella llicorella. Vento della regione sembra che la parola derivi dal celtico “likka” (pietra), per tramite del termine “llécol” (gusto, densità). La llicorella è un terreno formato da ciottoli lamellari (scisti) di ardesia. Il calore dei raggi del sole viene riflesso in un bagliore argentato, che scalda le vigne dal basso, permettendone una propagazione diffusa. Si tratta di un terreno aspro e poco fertile, ciò che obbliga le vigne a rendimenti bassissimi. Le uve ne risultano così altamente concentrate in zuccheri e polifenoli.

 

Fons Clar © L’Infernal

 

Questo terreno di scisti, misto ad una parte di argilla, dona alle vigne dell’Infernal una mineralità straordinaria, che si fa specchio del suolo di origine.

Syrah, Carignan, Garnatcha sono le uve coltivate dalla proprietà, fedele allo stile della denominazione, insieme a Garnacha Bianca e Macabeu.

 

Lo stile de L’Infernal

L’Infernal non lascia nulla al caso in cantina. Forti di più di più di quasi venti vendemmie, i vignerons hanno elaborato uno stile proprio della tenuta. Se storicamente i vini spagnoli sono spesso stati marcati da una forte presenza di aromi terziari provenienti da una maturazione in legno a volte invasiva (tendenza che si va affievolendo ovunque in Spagna), L’Infernal ha fatto una scelta diversa.

 

© L’Infernal

 

L’impatto del legno è molto discreto, grazie all’utilizzo, per quasi tutti i vini, di fusti di grandi dimensioni (600 l), i demi muid tipici della Valle del Rodano. Come per esempio nel Fons Clar, un 100% Carignan che passa in legno 12 mesi. O nel Face Nord, 100% Syrah, sempre 12 mesi in demi-muid. La cuvée Aguilera invece, frutto di una selezione rigorosa di vecchie vigne centenarie di Carignan, passa 18 mesi in barrique.

Il terroir caldo e minerale si riflette nell’impronta della casa, accompagnato dalla complessità di un frutto gradevole e un boisé ben padroneggiato. Eleganza, potenza ed equilibrio sono gli obiettivi raggiunti di tutti i vin

1.1.3