Una magnum di Lune d'Argent 2018 offerta sul prossimo ordine con il codice* - SUMMER22 | Scoprite di più *Offerta valida a partire da 300€, non cumulabile con altre promozioni ed esclusa per i vini en primeur. Valido una sola volta per cliente.
TrustMark
4.68/5
RP
96-98+
JS
99-100
BD
96-96
Château Haut-Bailly 2020

Château Haut-Bailly 2020

Cru classé -  - - Rosso
Dettagli prodotto
720,00 € IVA esclusa
120,00 € / Unità
Scegliere la quantità e/o il formato
  • lockPagamento sicuro al 100%
  • checkbox confirmProvenienza garantita
Carta d'identità di
Château Haut-Bailly 2020

L’eleganza e l’equilibrio di un vino rosso di Pessac-Léognan firmato Château Haut-Bailly

La proprietà

Lo Château Haut-Bailly vanta un patrimonio prestigioso, con un vigneto la cui qualità dei terreni era riconosciuta negli archivi locali già nel 1461. Insignito del titolo di Cru Classé des Graves nel 1953, lo Château Haut-Bailly scrive una nuova pagina della sua storia con l'acquisto da parte di Robert G. Wilmers nel 1998. Appassionato di Bordeaux e dei suoi vini, questo grande mecenate e amante della cultura francese lavorerà al fianco della moglie per far perdurare il patrimonio storico dello Château Haut-Bailly, adottando allo stesso tempo un approccio innovativo e moderno per portare la tenuta ai massimi livelli, fino alla sua morte, avvenuta nel dicembre 2017. La direttrice generale della proprietà, Véronique Sanders, accompagnata dal direttore tecnico Gabriel Vialard, gestisce con talento e passione questo emblematico Cru Classé situato nella denominazione Pessac-Léognan.

Il vigneto

Situato in cima a una collina, nelle Graves, lo Château Haut-Bailly veglia su 30 ettari di vigne estese su terreni di ghiaia, argilla e sabbia. I dolci pendii della cima favoriscono un eccellente drenaggio del terreno.

L’annata

L'inverno e la primavera sono stati segnati da forti piogge. Il germogliamento è stato particolarmente precoce, ma il gelo delle notti del 25 e 26 marzo ha avuto un impatto locale sul vigneto. Le temperature più miti di fine aprile hanno favorito una rapida crescita del vigneto. Le forti piogge all'inizio di maggio sono state compensate progressivamente da condizioni calde e secche che hanno permesso all’uva di fiorire con due settimane di anticipo. I primi quindici giorni di giugno sono stati cupi e favorevoli alla peronospora. La chiusura dei grappoli è stata completata intorno al 15 giugno, quasi tre settimane prima del previsto. Dal 20 giugno e per tutto luglio, fino ad inizio agosto, si assiste ad un'estate calda e secca, accompagnata da picchi di calore. Grazie alle sue profonde radici, il vigneto ha resistito a questa siccità. La prima invaiatura è stata eterogenea. I temporali dall'11 al 13 agosto hanno rinfrescato le temperature, raffinato l'invaiatura e alleviato lo stress idrico delle giovani viti. L’uva raccolta è matura, fruttata, zuccherina e molto concentrata. I rendimenti equivalgono a quelli del 2010.

Assemblaggio

Château Haut-Bailly è ottenuto dall’assemblaggio di cabernet sauvignon (52%), merlot (42%), cabernet franc (3%) e petit verdot (3%).

Questa annata 2020 è la prima prodotta nella nuova cantina della tenuta. La costruzione di questa cantina, maestosa e all'avanguardia, era stata avviata nel 2017 da Robert Wilmers poco prima della sua morte, ed è poi stata portata avanti da suo figlio, Chris Wilmers, presidente del consiglio di sorveglianza della tenuta. Progettata dall'architetto Daniel Romeo, questa elegante infrastruttura è perfettamente integrata nell'ambiente e rappresenta uno strumento di eccellenza per una vinificazione precisa.

Degustazione

Fresco ed equilibrato, questo Château Haut-Bailly 2020 seduce per la complessità, la densità, la struttura setosa, il colore e i tannini eleganti.

1.9.0