<iframe src="//www.googletagmanager.com/ns.html?id=GTM-MXK97HQ" height="0" width="0" style="display:none;visibility:hidden"></iframe>Cabernet Sauvignon - Cabernet Vino - Vini Francesi online - Millesima.it
Fermer
Prodotti (113)

Vini Cabernet Sauvignon

Vitigno più coltivato al mondo e uno dei più amati, il Cabernet Sauvignon è il vitigno più rappresentativo di Bordeaux. La sua origine è relativamente recente ed è stata scoperta solo negli anni Novanta. Il Cabernet Sauvignon è nato da un incrocio spontaneo tra Cabernet Franc e Sauvignon Blanc, avvenuto da qualche parte nel Sud-Ovest della Francia nel XVIII secolo.

Gli acini del Cabernet Sauvignon hanno una buccia ricca di pigmenti e tannini. Quest’ultimi, insieme all'elevata acidità, permettono di ottenere vini adatti all'invecchiamento. Molto della buona riuscita del vino dipende proprio dalla macerazione sulle bucce e da quanto a lungo il mosto resta a contatto con esse.

Il Cabernet Sauvignon è un vitigno a maturità tardiva. È vigoroso e piuttosto resistente alle malattie e ai parassiti. Nonostante i bassi rendimenti, il Cabernet Sauvignon è diventato famoso grazie alla qualità del succo che produce.

Il suo suolo prediletto è ghiaioso e ben drenato. A Bordeaux è utilizzato principalmente in blend con Merlot e Cabernet Franc. Ma anche con Petit Verdot, Malbec e Carménère. Si può trovare anche in purezza, nelle zone calde per lo più al di fuori della Francia (California, Australia del sud...).

Re della Rive Gauche, ha contribuito a rendere celebri i grandi château del Médoc, prima di propagarsi nel mondo intero. Il Cabernet Sauvignon è oggi considerato come un vitigno internazionale. La Toscana, in particolare, negli anni ‘70 è divenuta una seconda patria per il Cabernet Sauvignon. Il fenomeno dei Supertuscan, con il celeberrimo Sassicaia in testa, ne ha favorito l'exploit. In anni recenti è stato pianto perfino in Cina, dall'incredibile Ao Yun.

I vini rossi Cabernet Sauvignon sono caratterizzati da colori intensi. Quasi impenetrabili alla luce, per via della ricchezza delle sostanze pigmentate nella buccia degli acini. Si caratterizza per aromi di frutti rossi, di ribes nero o ciliegie, e può evolvere verso note complesse di menta e di cioccolato. L’eredità del Sauvignon Blanc gli conferisce note di peperone, olive e foglia di pomodoro. I Cabernet Sauvignon sono vini strutturati, con tannini forti, che li rendono capaci di sfidare il tempo. Grazie a queste caratteristiche è un vitigno che affina spesso in botti di rovere e guadagna morbidezza nel tempo.

Parker
98-100 / 100
CONSEGNA DA FINE GIUGNO 2020
Parker
100 / 100
Disponibile in consegna
J. Suckling
98 / 100
Parker
98 / 100
Disponibile in consegna
J. Suckling
98 / 100
Parker
100 / 100
Colgin : IX Estate 2013
 T.T.C.Una cassa di 3 Bottiglie (75cl)
Disponibile in consegna
J. Suckling
98 / 100
Parker
96 / 100
Disponibile in consegna
Parker
95 / 100
BOND : St. Eden 2010
 T.T.C.1 Bottiglia (75cl)
Disponibile in consegna
Parker
98+ / 100
Colgin : IX Estate 2014
 T.T.C.Una cassa di 3 Bottiglie (75cl)
Disponibile in consegna
J. Suckling
97-98 / 100
Parker
100 / 100
Tenuta San Guido : Sassicaia 2016
Toscana - Bolgheri - Rosso
 T.T.C.Una cassa di 6 Bottiglie (75cl)
Vini rari
J. Suckling
97 / 100
Parker
100 / 100
Colgin : IX Estate 2006
 T.T.C.Una cassa di 3 Bottiglie (75cl)
Disponibile in consegna
Prezzi scontati
Disponibile in consegna
Prezzi scontati
Disponibile in consegna
J. Suckling
98 / 100
Parker
97 / 100
Tenuta San Guido : Sassicaia 2015
Toscana - Bolgheri - Rosso
 T.T.C.Una cassa di 12 Bottiglie (75cl)
Vini rari
Parker
96+ / 100
BOND : Melbury 2014
 T.T.C.1 Bottiglia (75cl)
Disponibile in consegna
Parker
96 / 100
BOND : St. Eden 2014
 T.T.C.1 Bottiglia (75cl)
Disponibile in consegna
J. Suckling
98 / 100
Parker
99 / 100
Colgin : IX Estate 2012
 T.T.C.Una cassa di 3 Bottiglie (75cl)
Disponibile in consegna
Parker
96 / 100
BOND : Quella 2014
 T.T.C.1 Bottiglia (75cl)
Disponibile in consegna
Parker
98+ / 100
BOND : Vecina 2014
 T.T.C.1 Bottiglia (75cl)
Disponibile in consegna
Parker
99 / 100
Vérité : La Joie 2008
 T.T.C.Una cassa di 3 Bottiglie (75cl)
Disponibile in consegna
Parker
97+ / 100
BOND : Pluribus 2014
 T.T.C.1 Bottiglia (75cl)
Disponibile in consegna
Parker
92 / 100
BOND : Melbury 2011
 T.T.C.1 Bottiglia (75cl)
Disponibile in consegna
Parker
93 / 100
BOND : Quella 2011
 T.T.C.1 Bottiglia (75cl)
Disponibile in consegna
J. Suckling
98 / 100
Parker
96-98 / 100
Opus One : Opus One 2015
 T.T.C.Una cassa di 6 Bottiglie (75cl)
Disponibile in consegna
J. Suckling
96 / 100
Parker
98 / 100
Penfolds : Bin 707 Cabernet Sauvignon 2016
 T.T.C.Una cassa di 6 Bottiglie (75cl)
Disponibile in consegna
Parker
97+ / 100
Vérité : La Joie 2014
 T.T.C.Una cassa di 3 Bottiglie (75cl)
Disponibile in consegna
Parker
100 / 100
Vérité : La Joie 2013
 T.T.C.Una cassa di 6 Bottiglie (75cl)
Disponibile in consegna
J. Suckling
98 / 100
Parker
97 / 100
Disponibile in consegna
Parker
98 / 100
Cardinale : Cabernet Sauvignon 2014
 T.T.C.Una cassa di 6 Bottiglie (75cl)
Disponibile in consegna
Parker
94-96 / 100
Disponibile in consegna
J. Suckling
96 / 100
Parker
96+ / 100
Disponibile in consegna
Parker
93 / 100
BOND : Matriarch 2015
 T.T.C.Una cassa di 3 Bottiglie (75cl)
Disponibile in consegna
J. Suckling
94 / 100
Parker
95 / 100
BOND : Matriarch 2013
 T.T.C.1 Bottiglia (75cl)
Disponibile in consegna
J. Suckling
98 / 100
Parker
97 / 100
Disponibile in consegna
Parker
96+ / 100
Cardinale : Cabernet Sauvignon 2015
 T.T.C.Una cassa di 3 Bottiglie (75cl)
Disponibile in consegna
J. Suckling
97 / 100
Parker
97+ / 100
Disponibile in consegna
J. Suckling
96 / 100
Parker
98 / 100
Disponibile in consegna
Parker
95 / 100
Disponibile in consegna
J. Suckling
96 / 100
Parker
91 / 100
Disponibile in consegna
J. Suckling
96 / 100
Parker
93 / 100
Disponibile in consegna
Disponibile in consegna
Disponibile in consegna
Parker
97 / 100
Disponibile in consegna

Sua maestà Cabernet Sauvignon, l’intensità e la forza di un vino sontuoso

Sinonimo di vino regale, di classe e raffinato, il Cabernet Sauvignon è un grande vino che ha saputo diffondersi in tutto il mondo e diventare, per molti, il vino rosso per antonomasia. Scopriamo di più su questo vitigno…

Cabernet Sauvignon, un vitigno originario delle rive della Garonna

Il Cabernet Sauvignon è un vitigno rosso internazionale oggi tra i più coltivati al mondo. Nel 1996 il Dipartimento di viticoltura ed enologia della University of California scopre le origini di questa varietà di uva. Dallo studio del suo Dna è apparso che il Cabernet Sauvignon è un incrocio spontaneo tra Cabernet Franc e Sauvignon Blanc, avvenuto probabilmente nel XVIII secolo in Gironda.

 

Cabernet Sauvignon
© Château Pontet-Canet

 

Le sue origini si situano quindi nei dintorni di Bordeaux, dove ha conosciuto il suo primo successo, negli assemblaggi con altri vitigni e dove si è costruito, lungo i secoli, il savoir-faire capace di esprimere al meglio il suo potenziale, sia in termini di coltivazione come di vinificazione.

 

Caratteristiche e terroir del Cabernet Sauvignon

Si tratta di un vitigno a media, o più spesso tarda, maturazione. Grazie alla sua vigoria e alla sua adattabilità a diversi terreni e condizioni climatiche, ha avuto grande fortuna anche al di fuori della sua area natale. Come vedremo, oggi è coltivato con risultati eccellenti in molte altre regioni viticole del mondo.

 

Cabernet Sauvignon
© Château Grand-Puy-Lacoste

 

 

I suoli che predilige sono per lo più ghiaiosi e ben drenati, siccome è piuttosto sensibile alle malattie fungine e all’oidio. Difficilmente riesce ad arrivare a maturità in climi troppo freschi. Al di là di questo, è un vitigno straordinario per molti aspetti. I suoi acini sono piccoli, con una buccia spessa, molto pigmentata e ricca di polifenoli, ciò che si traduce in un vino dall’importante tannicità. La sua maturazione lenta favorisce lo sviluppo di un’acidità sorprendentemente elevata. Tannini, acidità, unitamente alla concentrazione aromatica, sono le sue caratteristiche distintive, che fanno del Cabernet Sauvignon un’uva adatta a dare vini da invecchiamento. Non solo è adatta, ma, in un certo senso, il suo potenziale viene pienamente espresso solo superando una prova di paziente attesa. I suoi tannini, così muscolari in gioventù, dopo 10-20-30 anni d’invecchiamento, perdono le loro asperità e la loro astringenza, non sempre gradevoli.

 

Riconoscere un Cabernet Sauvignon, le sue cifre stilistiche

Com’è naturale, essendo coltivato in molte regioni viticole differenti intorno al globo, il Cabernet Sauvignon è in grado di sfoggiare stili sensibilmente diversi, seppur sempre accomunati dalla sontuosità del suo profilo. Tra le diverse espressioni di questo vitigno si può senz’altro ritrovare un fil rouge che l’esperienza della sua degustazione può offrire.

Il colore di un calice di Cabernet Sauvignon, o di un qualunque vino di cui quest’uva compone l’assemblaggio, è di un rosso rubino intenso. I pigmenti delle sue bucce così spesse si traducono in vini profondi dall’anima impenetrabile, che con l’età tendono a virare verso il rosso granato.

 

Cabernet Sauvignon
© Château Pichon Baron

 

Nella sua palette aromatica le note di cassis (ribes nero) e di peperone verde sono le più caratteristiche. Quest’ultima fragranza, eredità inconfondibile del Sauvignon Blanc, si presenta meno di frequente nei climi più caldi o quando la maturazione si è perfettamente completata. Amata/odiata, la nota di peperone verde divide i bevitori di Cabernet Sauvignon in due fazione e si accompagna a volte ad altre suggestioni un po’ erbacee, come per esempio la foglia di pomodoro o l’oliva verde. A completare il bouquet compaiono gli aromi di frutti neri, come i mirtilli, le more, l’amarena e la prugna. La sua complessità si rivela mostrano anche note di muschio, sottobosco, tabacco, pepe nero e grafite. L’alcol, l’acidità, l’esuberanza del frutto e la tannicità, fanno a gara tra di loro e si equilibrano abilmente. Si protraggono inoltre – negli esempi migliori – in un finale lunghissimo, immerso in ricordi di liquirizia.

 

Cabernet Sauvignon, il savoir-faire francese

Luogo d’origine, d’elezione e di espressione dei livelli qualitativi più alti al mondo, la Rive Gauche di Bordeaux sta al Cabernet Sauvignon come il cacio sta ai maccheroni: una storia d’amore voluta dal destino. È nel bordolese che si concentra il 60% del Cabernet Sauvignon di tutta la Francia e specialmente nelle Appellation d’Origine Controllée del Médoc (Pauillac, Saint-Estèphe, Saint-Julien, Margaux) e delle Graves (Pessac-Léognan). Qui può approfittare di un suolo principalmente ghiaioso e sabbioso (graves), costituito dai bianchi ciottoli portati a riva nelle ere passate dalla Garonna. Questi hanno la straordinaria capacità di immagazzinare il calore diurno dei raggi solari, per poi rilasciarlo lentamente sulla pianta durante le ore notturne.

 

Cabernet Sauvignon
 © Château Pontet-Canet

 

Grandissime proprietà – quelli che qui vengono chiamati château – producono vini di fama leggendaria: Château Margaux, Château Lafite-Rothschild, Château Léoville Las Cases, Château Cos d'Estournel, Château Haut-Brion, Domaine de Chevalier

Il famoso taglio bordolese prevede una predominanza di Cabernet Sauvignon, che viene completato con Merlot e Cabernet Franc. Se il Cabernet Sauvignon ha il compito di apportare tannini, acidità e attitudine all’invecchiamento, il Merlot viene utilizzato per aggiungere rotondità e corpo al blend. Per l’affinamento di questi vini viene immancabilmente usata la barrique di rovere francese, che oltre ad ammorbidire i tannini, aggiunge aromi di vaniglia, pane tostato, affumicato, caffè e cedro.

A Bordeaux, da secoli i migliori cru sono strettamente gerarchizzati, nonché regolamentati da cahiers de charges, in un sistema di etichette che ha lo scopo di fornire chiare indicazioni sulla qualità attesa per il vino all’interno della bottiglia.

Si trova anche sulla Rive Droite, ma lì è piuttosto il Merlot a dominare e il Cabernet Sauvignon viene utilizzato in maniera ancillare, per aggiungere tocchi energici e decisi a vini di più – relativamente – facile beva. Qualche ottima espressione si trova anche nel Sud-Ovest della Francia e in Linguadoca.

 

Cabernet Sauvignon e Supertuscans

Negli anni Sessanta in Toscana si avvia una piccola grande rivoluzione nel panorama enoico italiano. Nel regno del Sangiovese, il Cabernet Sauvignon, insieme ad altri vitigni bordolesi, inizia ad essere coltivato e vinificato alla maniera francese. I produttori fautori di questo modo di fare vino diverso dalla tradizione imperante decidono di rinunciare alla Denominazione di Origine Controllata Chianti, pur di vinificare il Cabernet. Ufficialmente parte della denominazione Toscana IGT, si trovano vini prestigiosi che, come Solaia di Tenuta Tignanello (parte della famiglia Antinori) e Lux Vitis di Tenuta della Luce della Vite (famiglia Frescobaldi), mettono chiaramente in primo piano la personalità del Cabernet Sauvignon.

 

Cabernet Sauvignon
© Rocca di Frassinello

 

Il Sassicaia della Tenuta San Guido è il portabandiera di questo netto taglio con il passato, seguito da molti altri esempi, che nel tempo sono diventati talmente qualitativi, da ottenere nel 1994 una Doc a loro dedicata: la Doc Bolgheri, nel lembo di terra tra mare e colline vicino a Castagneto Carducci, nella Maremma.

 

Cabernet Sauvignon
© Tenuta San Guido

 

In Italia il Cabernet Sauvignon trova inoltre le condizioni ideali, in termini di clima e suoli, anche sui Colli Euganei e nella conca di Bolzano.

 

Il Cabernet Sauvignon nel Nuovo Mondo

Raramente, come abbiamo visto, si ritrova il Cabernet Sauvignon in purezza in Francia e Italia. È molto più facile trovarlo così nel Nuovo Mondo. Qui l’esuberanza del frutto è di solito più presente, non si tenta di moderarla e fa parte di uno stile volutamente ricercato.

Cile, Argentina, Cina e Sudafrica hanno coltivazioni di Cabernet che diventano di anno in anno sempre più interessanti e con risultati già molto buoni. Al di fuori dell’Europa, però, le due regioni viticole più notevoli sono certamente quella californiana e quella australiana.

 

Cabernet Sauvignon
© Château Grand-Puy-Lacoste

 

In California i cru migliori si trovano nella Napa Valley (da cui il soprannome di Napa Cabs), come Rutherford e Oakvalley, e nella Sonoma Valley, come Alexander Valley. Joseph Phelps Vineyards si presta bene a rappresentare lo stile dei Napa cabs californiani.

In Australia è la Barossa Valley a dare i natali a grandi vini di Cabernet Sauvignon, dove a fargli buona compagnia c’è lo Shiraz, a volte utilizzati in blend insieme. Margaret River, sulla costa occidentale, viene considerata un po’ la Bordeaux australiana, viste le affinità a livello climatico. In Australia il Cabernet Sauvignon è spesso assemblato con il Shiraz (Syrah), come si può ben vedere dalla gamma di Penfolds.

 

Il Cabernet Sauvignon a tavola

Abbinare un Cabernet a un piatto non è difficile, basta seguire un paio di semplici regole. Essendo un vino così strutturato, così energico e tannico, ha bisogno di una pietanza capace di tenergli testa. Bando quindi a pesce, insalate e dolci. Sul piccante si può discutere, ma bisogna tollerarlo bene, perché l’alcolicità di questo vino non farà altro che esaltare il bruciore.

 

Cabernet Sauvignon
© Brice Braastad - Rauzan-Ségla

 

Largo invece a cibi molto saporiti e accompagnati da salse succulente. Un barbecue è il compagno ideale e saprà esaltare questo vino, senza esitazioni, sposandosi con le sue note empireumatiche. Ragù, carni in riduzioni di vino, ma anche funghi e tartufi si abbinano perfettamente. I peperoni sono invece un accordo giocato sulle assonanze e sulle eco dei tipici aromi del Cabernet Sauvignon.

Total :
0
Total :
0
6 bouteille(s) supplémentaire(s) à ajouter à votre caisse panachée