Château de Ferrand

La singolarità di Château de Ferrand è dovuta al fatto che in trecento anni di storia, il castello non ha conosciuto che due famiglie proprietarie ed è una delle più antiche proprietà di Saint-Émilion, in Francia.

Costruito nel 1702, il castello è un affascinante esempio di architettura della valle della Dordogna. Allo stesso tempo, si evolve su una superficie di 42 ettari, di cui 32 coltivati a Merlot (75%), a Cabernet Franc (15%) e a Cabernet Sauvignon (10%). Il suo terroir è reso complesso da un’altitudine e un’esposizione che fanno sì che le temperature siano più fresche rispetto alla piana di Saint-Émilion.

Il castello risponde a degli obiettivi di sviluppo sostenibile non solo nell’elaborazione dei vini ma anche nella cultura dell’azienda, con l’introduzione di circa 10 ettari di bosco, prato e un parco di ricco di antiche varietà.

Château de Ferrand

Leggi di più...
Prodotti: (  1 - 8 di 8  )
:
:
  • Prezzi scontati
    € 37,80
    Declinaison:
    Il prezzo del prodotto può essere aggiornato in base alla selezione
    • c_cb_12
    • wc_wcl_1

  • Prezzi scontati
    € 34,61
    Declinaison:
    Il prezzo del prodotto può essere aggiornato in base alla selezione
    • c_cb_12
    • wc_wcl_1

  • Prezzi scontati
    € 36,34
    Declinaison:
    Il prezzo del prodotto può essere aggiornato in base alla selezione
    • c_cb_12

  • Prezzi scontati
    380.0 € 34,61
    Declinaison:
    Il prezzo del prodotto può essere aggiornato in base alla selezione
    • c_cb_12

  • Prezzi scontati
    € 22,77
    Declinaison:
    Il prezzo del prodotto può essere aggiornato in base alla selezione
    • c_cc_12
    • wc_wcl_1

  • Prezzi scontati
    € 27,32
    Declinaison:
    Il prezzo del prodotto può essere aggiornato in base alla selezione
    • c_cb_12

  • Prezzi scontati
    € 19,13
    Declinaison:
    Il prezzo del prodotto può essere aggiornato in base alla selezione
    • c_cc_12

  • Prezzi scontati
    € 37,48
    Declinaison:
    Il prezzo del prodotto può essere aggiornato in base alla selezione
    • b_cc_24
    • c_cc_12
    • d_cc_6
    • e_cb_1
    • f_cb_1
    • g_cb_1
    • h_cb_1
    • j_cb_1
    • k_cb_1
    • o_cb_1

Chateau De Ferrand

© Chateau de Ferrand


 


Tre secoli di Château de Ferrand, Grand Cru Classé de Saint-Émilion


Il Château de Ferrand, fin dalle sue origini nel XVII secolo, è stato una proprietà famigliare. La cosa straordinaria è che in più di trecento anni solo due famiglie si sono succedute alla proprietà del domaine. Si tratta di una delle proprietà più antiche e più coerenti di Saint-Émilion, oggi guidata da Pauline Bich e Philippe Chandon-Moët.


 


La storia di Château de Ferrand


Le prime testimonianze di una vasta proprietà coltivata a vigna e bosco, sul pendio più elevato di Saint-Émilion che domina la vallata, risalgono al 1659. Il castello invece è stato costruito nel 1702, insieme alle famose grotte scavate “come un monumento eterno alla gloria di re Luigi il Grande”. Mademoiselle de Scudéry, donna di lettere e grande amica d’Elie de Bétoulaud, a Ferrand si dedica alle sue composizioni poetiche e a intrattenere la corte di Luigi XIV, occcupazione, questa, che ha donato un periodo di grande fasto alla proprietà.


Elie de Bétoulaud e, dopo di lui, il suo discendente il Marchese di Mons e i suoi eredi hanno lasciato il posto alla proprietà del castello al grande industriale, il Barone Bich, fondatore della società Bic.


 


Château de Ferrand: un Grand Cru Classé de Saint-Émilion


Dal 2005 la proprietà è presieduta da Pauline Bich Chandon-Moët, la figlia del Barone Bich, fiancheggiata da suo marito Philippe Chandon-Moët.


Dal 2012 il Château de Ferrand ha avuto l’onore di entrare nella categoria dei Grands Crus Classés de Saint-Émilion. Categoria di cui i suoi vini si mostrano perfettamente all’altezza.


Al giorno d’oggi i vini Château de Ferrand sono presenti sui cinque continenti.


Chateau De Ferrand

© Chateau de Ferrand


Je t’L’enoturismo al Château de Ferrand


Il castello, riconosciuto come Patrimonio mondiale dall’Unesco, è un esempio perfetto di architettura neoclassica. La decisione famigliare di restaurare il castello contribuirà ad arricchire l’edificio e valorizzare il sito. Questi lavori hanno permesso di ricevere visitatori, in quello che è uno dei più bei castelli bordolesi. Lo scopo era di sviluppare in modo umano e professionale la dimensione del turismo enologico, sotto la guida di sommelier esperti.


La ristrutturazione è stata concepita dal famoso architetto italiano Arnaldo Tranti, che ha saputo creare un percorso turistico legato al vino, elegante ed efficace allo stesso tempo.


I Best of ottenuti negli ultimi anni, garantiscono dell’alto livello qualitativo di questa art de vivre alla francese:



  • Best of Wine Tourism 2013, Categoria Architettura e Paesaggio;

  • Best of Wine Tourism 2014, Categoria Scoperta e Innovazione;

  • Best of Wine Tourism 2015, Categoria Architettura e Paesaggio.


 


L’assortimento varietale del domaine di Château de Ferrand


Un Grand Cru Classé deve innanzitutto la sua eccellenza al suo terroir. Su una superficie totale di 42 ettari, 32 ettari sono coltivati a vigna: 75% di Merlot, 15% di Cabernet Franc e 10% di Cabernet Sauvignon. La proprietà si trova a un’estremità di un plateau che domina una curva della Valle della Dordogna. La densità di coltivazione è in forte cresciata, superiore a 7.000 ceppi per ettaro.


Chateau De Ferrand

© Chateau de Ferrand


 


Château de Ferrand: un terroir eccezionale


Il suolo è ben drenato e le piogge estive vengono evacuate per ruscellamento. Le correnti ascendenti inoltre deviano una parte dei temporali.


Complici l’altitudine e l’esposizione, le temperature che vi si trovano sono in genere più fresche che nella piana di Saint-Émilion. Ferrand è infatti uno dei vigneti più elevati della sua denominazione di origine, coltivato tra i 46 metri e i 100 metri di altitudine.


Il vigneto presenta quattro tipi di suoli:



  • Suoli bruni calcarei, argillosi e sabbiosi con rocce tra i 50 e i 120 cm di profondità;

  • Suoli bruni ricchi di calcio, argillosi e sabbiosi con rocce tra i 120 e i 200 cm di profondità;

  • Suoli bruni ricchi di calcio su marne compatte;

  • Suoli bruni argillosi e sabbiosi con argilla sabbiosa.


Questi quattro tipi di suolo, benchè differenti, hanno in comune un tenore di argilla abbastanza elevato. Caratteristica che nel bordolese presenta sempre un forte potenziale enologico. Al fine di conoscere l’esatta variazione dei suoli di ogni parcella, è stata realizzata una cartografia in larga scala (1:3000).


 


La gestione dei vigneti al Château de Ferrand


Non si può dire che esista un’unica condotta del vigneto generale in questo domaine, ma piuttosto si può parlare di condotte parcellari. Ogni parcella è lavorata diversamente, al fine di esplicitare il suo potenziale e le sue caratteristiche individuali.


I rendimenti sono ben al di sotto dei limiti massimi previsti dal disciplinare di produzione.


La gestione del vigneto è decisa in funzione di due obiettivi fondamentali: una qualità ottimale della vendemmia e una protezione fitosanitaria ragionata. Nessun erbicida è stato utilizzato sulla proprietà da più di una generazione. Grazie al suo impegno in termini di sostenibilità, la proprietà ha ricevuto la certificazione Terra Vitis.


Chateau De Ferrand

© Chateau de Ferrand


 


Château de Ferrand: un savoir-faire tramandato di generazione in generazione


L’elaborazione del vino al Château de Ferrand avviene in spazi interamente rinnovati nel 2009, nello spirito del rispetto della bellezza del sito e della sua architettura del XVIII secolo.


La vendemmia è suddivisa in due tappe: una selezione manuale e una selezione ottica, prima di essere imbottata per gravità.


L’eterogeneità dei volumi dei tini permette di non perdere l’origine parcellare e dunque la tracciabilità, che il domaine tiene ad assicurare. In questo modo ogni lotto è vinificato e affinato separatamente. In seguito, l’insieme della raccolta è travasato in fusto in una magnifica cantina in grado di accogliere più di 500 barriques.


L’affinamento dura dai 12 ai 16 mesi con 50-60% di fusti nuovi in rovere francese. Il vino è imbottigliato nella proprietà e conservato nelle cantine. I tappi vengono sottoposti a frequenti analisi per verificare l’assenza di contaminazione da tricloroanisolo, la sostanza responsabile del sentore di tappo.


I vini del Château de Ferrand


La freschezza aromatica e la struttura tannica sono ricercate, così come l’espressione del rispetto del suo territorio.


Fedele ai vini della sua denominazione di origine, Ferrand presenta un colore bordeaux scuro, un profumo intenso di frutta matura e di spezie. L’attacco in bocca è potente, i tannini sono equilibrati. Si evolve poi verso note di frutti rossi e un finale lungo ed elegante.


Dal 2011, Château de Ferrand ha anche un secondo vino: il Différent de Château de Ferrand. Viene prodotto negli stessi territori e condivide le stesse esigenze qualitative del suo fratello maggiore. Può essere degustato giovane, poiché la sua finezza e la sua eleganza aromatica ne fanno un vino piacevole da bere in tutte le circostanze.


Il 2017 sarà il primo millesimo ad essere proposto in primeur.

Guarda tutti i nostri prodotti