A partire da 500€ di ordine* un magnum o una bottiglia gratis tra 6 grandi vini con il codice : BLACKWEEK21 *Non cumulabile con altre promozioni e non riguarda i vini in primeurs. Valido una sola volta per cliente.
RP
96
WS
94
RG
19
Château d'Yquem 1988
Vini rari

Château d'Yquem 1988

1er cru Supérieur -  - - Bianco
3.150 € IVA inclusa
525 € / Unità
Scegliere la quantità e/o il formato
  • delivery truckConsegna gratuita a partire da 240€
  • lockPagamento sicuro al 100%
  • checkbox confirmProvenienza garantita
Carta d'identità di
Château d'Yquem 1988

Château d'Yquem 1988: Un grande classico di Sauternes

Sola proprietà classificata Premier Cru Supérieur 1855 Château d'Yquem è una leggenda nel Sauternes e Bordeaux, ma è anche uno dei vini più famosi e più prestigiosi del mondo. La sua è una grande storia, fatta di colpi di scena, momenti di gloria e momenti difficili. Anche con la sua gloriosa reputazione Château d'Yquem continua a promuovere la modernità, l'autenticità e il know-how per la qualità di ciascuno dei suoi vini a vivere all'altezza del suo nome.

Anche se la proprietà di Sauternes produce bottiglie solo nelle annate di qualità, il 1988 si distingue comunque per il suo clima inusuale. Molto caldo in primavera con molta umidità, la fioritura arriva tardiva. Il ritardo non viene totalmente recuperato nonostante un clima mite a partire da luglio. La vendemmia inizia a metà ottobre e il clima perfetto di fine stagione permette di non affrettarsi a raccogliere tutte le bacche ad uno stadio perfetto di botritizzazione. Finalmente, Château d'Yquem 1988 nasce dopo 6 selezioni eccezionalmente ripartite fino alla fine di novembre. Il risultato è un grande Sauternes, con aromi di marmellata di agrumi, miele, cioccolato bianco o frutta gialla a nocciolo. Da bersi fino al 2050 e forse anche oltre.

Critica
Château d'Yquem 1988
badge notes
Parker

96

100
badge notes
Wine Spectator

94

100
Wine Advocate-Parker :
The 1988 Chateau d'Yquem has long been an insider's favorite over the 1989 and 1990, although at the end of the day, all three form a brilliant triumvirate at the end of the decade. Tasted from a half bottle, it shone with a slightly burnished amber hue. The bouquet is just as I have encountered with previous bottles with scents of marmalade, mandarin, burnt honey and citrus fruit, perhaps a little waxier and resinous than I recall. The palate is medium-bodied with impressive weight, viscous as you would expect, though not as flamboyant as the 1989 or as unctuous as the 1990. It is beautifully balanced with notes of apricot, white chocolate and orange peel towards the harmonious and tensile finish. You can see this cruising along for two or three decades and maybe it will turn more Barsac-like in style? Time will tell - a glorious Yquem however you look at it. Tasted May 2016.
1.9.0