yquem.jpg
+ / - Passare sull'immagine per eseguire zoom
Altre viste
Altre viste

Château d'Yquem 2009

Bordeaux - Sauternes - Bianco - 14° Château d'Yquem Château d'Yquem 2009 1082/09
  • Parker : 100
  • J. Robinson : 17
Nel 1953, la famiglia Sauvage acquista lo Château d'Yquem, il quale, in seguito al matrimonio di Francoise Joséphine de Sauvage con il Conte Louis Amédée de Lur Saluces, nel 1785 entra a far parte del patrimonio Lur Saluces. Nel corso di più di 35 anni, il conte A. de Lur Saluces ha continuato la tradizione familiare seguendo una sola filosofia: offire imperativamente, per ciascuna annata, un vino di ottima qualità. Grazie alla sua opera, questo grande vino ha acquisito una fama notevole. Nel maggio del 2004, Pierre Lurton si è visto confiscare la gestione della tenuta da L.V.M.H. / Moët Hennessy. Louis Vuitton, il principale azionario dello Château d'Yquem dal 1999, proviene da un'importante stirpe di viticoltori bordolesi, appassionato di viticoltura e innamorato della vigna. Ha in mano il futuro dello Château Cheval Blanc e dello Cheval des Andes in Argentina e possiede tutte le qualità per proseguire la leggenda d'Yquem nel rispetto della tradizione e con un'apertura alla modernità.

Wine Advocate-Parker :
Served from an ex-chateau bottle. The 2009 Chateau d'Yquem is one showstopper of a wine and perhaps it is only in a vertical that you realize this is up there among the legendary wines of the past - the 2001 included. It has a wonderful nose that expresses the Semillon component majestically: heady aromas of lemon curd, nectarine, jasmine and honeysuckle that all gain momentum in the glass. The oak is supremely well-integrated. The palate is extremely well-balanced with an unctuous entry. You are immediately knocked sideways by the palpable weight and volume in the mouth, which is almost "bulbous," with layer upon layer of heavily botrytized fruit. It builds to a spicy finish with hints of marzipan and pralines in the background that lend it an untrammeled sense of exoticism. The 2009 is utterly fabulous and decadent, a star that will blaze brightly and undimmed for many years. Drink now-2060+. Tasted March 2014.
Prezzi scontati
€ 1.081,51
Declinaison:
Il prezzo del prodotto può essere aggiornato in base alla selezione
  • c_cb_6
  • e_cb_1
  • g_cb_1
  • wc_wcl_1
EUR 3550.0 Millesima In stock

Château d'Yquem, come ogni anno, tutti i vini che Millésima vi propone furono comprati direttamente nella proprietà.

Nel 1953, la famiglia Sauvage acquista lo Château d'Yquem, il quale, in seguito al matrimonio di Francoise Joséphine de Sauvage con il Conte Louis Amédée de Lur Saluces, nel 1785 entra a far parte del patrimonio Lur Saluces. Nel corso di più di 35 anni, il conte A. de Lur Saluces ha continuato la tradizione familiare seguendo una sola filosofia: offire imperativamente, per ciascuna annata, un vino di ottima qualità. Grazie alla sua opera, questo grande vino ha acquisito una fama notevole. Nel maggio del 2004, Pierre Lurton si è visto confiscare la gestione della tenuta da L.V.M.H. / Moët Hennessy. Louis Vuitton, il principale azionario dello Château d'Yquem dal 1999, proviene da un'importante stirpe di viticoltori bordolesi, appassionato di viticoltura e innamorato della vigna. Ha in mano il futuro dello Château Cheval Blanc e dello Cheval des Andes in Argentina e possiede tutte le qualità per proseguire la leggenda d'Yquem nel rispetto della tradizione e con un'apertura alla modernità.

Wine Advocate-Parker :
Served from an ex-chateau bottle. The 2009 Chateau d'Yquem is one showstopper of a wine and perhaps it is only in a vertical that you realize this is up there among the legendary wines of the past - the 2001 included. It has a wonderful nose that expresses the Semillon component majestically: heady aromas of lemon curd, nectarine, jasmine and honeysuckle that all gain momentum in the glass. The oak is supremely well-integrated. The palate is extremely well-balanced with an unctuous entry. You are immediately knocked sideways by the palpable weight and volume in the mouth, which is almost "bulbous," with layer upon layer of heavily botrytized fruit. It builds to a spicy finish with hints of marzipan and pralines in the background that lend it an untrammeled sense of exoticism. The 2009 is utterly fabulous and decadent, a star that will blaze brightly and undimmed for many years. Drink now-2060+. Tasted March 2014.
Aggiungi al carrello