TrustMark
4.67/5
RP
95
JS
98
JR
19.5
Dom Pérignon : Plénitude P2 2002
Vini rari

Dom Pérignon : Plénitude P2 2002

Grand cru -  - Bianco
Dettagli prodotto
480,00 € IVA inclusa
480,00 € / Unità
Scegliere la quantità e/o il formato
  • delivery truckConsegna gratuita a partire da 240€
  • lockPagamento sicuro al 100%
  • checkbox confirmProvenienza garantita
Altri annate
Carta d'identità di
Dom Pérignon : Plénitude P2 2002

La nuova dimensione di un prodigio della longevità

La proprietà

Lo champagne Dom Pérignon deve il suo nome al famoso monaco e procuratore dell'abbazia di Hautvillers nel 1668, Pierre Pérignon, conosciuto come Dom Pérignon. Secondo la leggenda, Pierre Pérignon ha scoperto quello che è conosciuto oggi come il metodo champenoise. Per l'aneddoto, insegnò questo metodo nel 1669 al benedettino Thierry Ruinart, il che permise a Ruinart di diventare la prima maison di Champagne nel 1729. Dal 1° gennaio 2019, Vincent Chaperon è succeduto a Richard Geoffroy come Chef de Caves di Dom Pérignon.

Il vino

"Il tempo è al centro dell'equazione Dom Pérignon". È grazie all'ex Chef de Caves della Maison, Richard Geoffroy, che ha incarnato l'anima di Dom Pérignon per 28 anni, che è nato il concetto di "Plénitude". Poiché l'espressione di un'annata non è fissa nel tempo e si evolve per tappe, P2 o Deuxième Plénitude offre una nuova visione dello champagne dopo più di 15 anni di elaborazione. Per ogni annata, viene riservato un numero limitato di bottiglie, predestinate a una maturazione più lunga: Plénitude 2.

Dopo diciassette anni di lenta maturazione nelle fosse di gesso della maison, il Plénitude P2 2002 di Dom Pérignon entra in una nuova era della sua esistenza come testimone del tempo che passa. Frutto di un'annata eccezionale, Plénitude P2 2002 di Dom Pérignon cattura l'affascinante personalità di un anno che segnerà la storia dello Champagne.

Trasformata da anni di conservazione e di pazienza, questa rara cuvée ha raggiunto l'apice della sua vitalità. Il Plénitude P2 2002 di Dom Pérignon è pronto a svelare la sua nuova dimensione con la complessità, la profondità e l'intensità che solo il tempo può portare. Potenza e ricchezza sono combinate con complessità, delicatezza, freschezza e mineralità.

Assemblaggio

Dom Pérignon Plénitude P2 2002 è un assemblaggio di Chardonnay e Pinot Noir.

Degustazione

Olfatto

Caldo, goloso ed esotico, il naso ammalia con le sue note scintillanti. Frutta candita, frangipane e spezie dolci sono seguiti da raffinate note di zafferano. Gradualmente, il bouquet aromatico diventa più misterioso, più contenuto, evolvendo verso note iodate e salate.

Gusto

È al palato che il Plénitude P2 2002 di Dom Pérignon si esprime pienamente, con opulenza pur essendo vestito di quella grazia ariosa che evoca la leggerezza di una ballerina. Con sensualità e profondità, la bocca rivela la brillantezza della frutta sublimata da un'intensa energia. Il finale sembra interminabile, e il carattere vivace del vino si esprime su note saline con sapori leggermente di liquirizia.

Plénitude P2 2002 di Dom Pérignon offre l'esperienza indimenticabile di uno champagne leggendario. Un invito che suona il preludio a un momento di pienezza.

Abbinamento cibo e vino

Champagne dal carattere deciso, Plénitude P2 2002 di Dom Pérignon si rivela negli abbinamenti gastronomici più audaci che, come un gioco, vi permetteranno di esplorare le molteplici sfaccettature della sua personalità.

Critica
Dom Pérignon : Plénitude P2 2002
badge notes
Parker
95
100
badge notes
J. Suckling
98
100
Wine Advocate-Parker :
The 2002 Dom Pérignon P2 is still a youthful wine, but it is beginning to develop appreciable complexity, wafting from the glass with notes of of iodine, warm bread, ripe orchard fruit, peach, citrus oil, smoke and peat, which in Geoffroy's words are on the verge of aromatic over-ripeness. On the palate, the wine is medium to full-bodied, broad and fleshy, with a textural, voluminous profile, pinpoint bubbles and a chalky, phenolic finish. This is a ripe and powerful Dom Pérignon that finds its closest stylistic analogy in the 1990 vintage, and it is considerably less evolved than the more tertiary 2000 P2 today. While the P2 is a bit drier and more precise on the finish than the original release, given the wine's slow evolution the difference between the two is less pronounced than it has been for any vintage since 1996.
1.9.0